lucca – “Nuovi Alberi” per migliorare la qualità dell’aria: la giunta approva la delibera che dà il via al progetto per il rimboschimento del territorio comunale

A giorni sarà pubblicata la manifestazione d’interesse per ricercare collaborazioni qualificate con soggetti pubblici o privati.

Sarà pubblicata nei prossimi giorni la manifestazione di interesse con la quale l’amministrazione comunale intende stabilire un rapporto di collaborazione con soggetti qualificati, pubblici o privati, al fine di mettere a dimora su aree pubbliche del territorio comunale specie arboree in grado di migliorare la qualità dell’aria.

La giunta Tambellini ha infatti approvato stamani (16 giugno) la delibera che dà il via formale al progetto “Nuovi Alberi”, presentato la scorsa settimana dall’assessore all’ambiente Francesco Raspini, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca, che hanno deciso di sostenere l’azione dell’amministrazione comunale.

Il progetto, sulla base della proposta presentata dall’associazione lucchese Talea, prevede la piantumazione di 3000 nuovi alberi di specie autoctone nei prossimi tre anni (2020, 2021, 2022) in 7 aree di proprietà comunale. Il Comune, partendo da questa proposta, intende mettere a disposizione un numero maggiore di aree del territorio, in modo da rendere possibile anche la partecipazione di altri soggetti con progetti caratterizzati dalla medesima finalità, che verranno confrontati tra loro.

L’obiettivo è quello di attivare collaborazioni sinergiche che possano portare al rimboschimento di ampie zone del territorio, creando veri e propri filtri biologici per rimuovere dall’aria le polveri sottili, l’ozono e altri componenti gassosi nocivi alla salute. Le nuove piantumazioni consentiranno inoltre di contenere l’effetto cosiddetto “isola di calore”, con la diminuzione delle temperature nei mesi estivi.

Il progetto “Nuovi Alberi”, che impegnerà l’amministrazione comunale per gli anni a venire, è in linea con gli obiettivi del Piano di Azione Comunale per il contenimento delle emissioni di polveri sottili e si colloca nel solco degli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Share