Non si terrà il mercato bisettimanale Don Baroni nei giorni del 14 e 21 settembre per la concomitanza con la fiera del Settembre Lucchese 

La decisione è stata presa nel corso della riunione che l’amministrazione comunale ha tenuto lo scorso 2 agosto con le categorie economiche. I due appuntamenti potranno essere recuperati dagli operatori in altre due date da concordare e comunque nei mercati straordinari di Sant’Anna in programma a ottobre e dicembre.

 

Il mercato bisettimanale Don Baroni non si terrà nei giorni di sabato 14 e 21 settembre, per la concomitanza con la fiera del Settembre Lucchese.

 

La decisione è stata presa dall’amministrazione comunale a seguito della riunione con le categorie economiche che si è tenuta lo scorso 2 agosto e comunicata a tutti gli operatori del mercato bisettimanale.

 

Gli operatori potranno partecipare alla spunta della fiera ma, in base alla normativa vigente, non è possibile garantire nessuna corsia preferenziale, poiché la fiera ha una sua graduatoria che non può essere confusa o integrata con altre. L’ipotesi -anch’essa valutata- di autorizzare il mercato nei pressi della fiera scegliendo altre zone, comunque di difficile individuazione, avrebbe  messo a rischio entrambe le manifestazioni da un punto di vista logistico, ma anche commerciale, per questo è stato deciso di annullare le due date del mercato, anche in considerazione del fatto che molti degli operatori sono attualmente nelle graduatorie della spunta della fiera. Gli ambulanti del mercato bisettimanale che non saranno presenti alla manifestazione inserita nel calendario del Settembre Lucchese, potranno recuperare le due giornate in altre date da loro eventualmente richieste e comunque, su richiesta delle categorie, nei mercati straordinari di Sant’Anna di ottobre e dicembre.

In prospettiva l’amministrazione comunale, ora che è stato approvato il Piano del commercio su area pubblica, intende andare a rivedere l’organizzazione della fiera attraverso l’assegnazione dei posti vaganti e la conseguente diminuzione del numero degli spuntisti. Sarà inoltre rivista la metratura dei banchi, andando incontro alle esigenze degli operatori.

Share