Non si fa attendere la risposta del Capogruppo di Orgoglio Comune Lorenzo Bertolacci, per quanto riguarda la mozione sulla Giornata del ricordo.
“La persecuzione, gli eccidi efferati di massa – culminati, ma non esauriti, nella cupa tragedia delle Foibe – l’esodo forzato degli italiani dell’Istria della Venezia Giulia e della Dalmazia fanno parte a pieno titolo della storia del nostro Paese e dell’Europa.
Si trattò di una sciagura nazionale alla quale i contemporanei non attribuirono – per superficialità o per calcolo – il dovuto rilievo. Questa penosa circostanza pesò ancor più sulle spalle dei profughi che conobbero nella loro Madrepatria, accanto a grandi solidarietà, anche comportamenti non isolati di incomprensione, indifferenza e persino di odiosa ostilità. Si deve soprattutto alla lotta strenua degli esuli e dei loro discendenti se oggi, sia pure con lentezza e fatica, il triste capitolo delle Foibe e dell’esodo è uscito dal cono d’ombra ed è entrato a far parte della storia nazionale, accettata e condivisa. Conquistando, doverosamente, la dignità della memoria.
Esistono ancora piccole sacche di deprecabile negazionismo militante, oggi il vero avversario da battere, più forte e più insidioso, è quello dell’indifferenza, del disinteresse, della noncuranza, che si nutrono spesso della mancata conoscenza della storia e dei suoi eventi.”
Queste le parole, solo due anni fa, del Presidente della Repubblica Mattarella in occasione della Giornata del Ricordo dei Martiri delle foibe.
Nel testo della mozione,  presentato e portato in Consiglio Comunale il 3 febbraio 2022, si chiedeva l’intitolazione di una via, una piazza o un monumento ai martiri delle foibe- così esordisce il Capogruppo di Orgoglio Comune, Lorenzo Bertolacci.
Nel Consiglio Comunale del 31 dicembre  scorso- prosegue Bertolacci- avevo ricordato che non avevamo ancora trattato la mozione presentata 10 mesi prima, visto il parere positivo del Consiglio Comunale che già era emerso in un Consiglio Comunale tenutosi prima del 10  febbraio 2021 e ribadito nella seduta del 31 dicembre scorso dal Sindaco, non riesco a capire la posizione del capogruppo Fancelli che in entrambe le sedute mai ha preso parola per rimarcare una sua posizione. Ne prendo atto- conclude il Capogruppo Bertolacci-  dal comunicato suo e dell’ANPI, sono comunque soddisfatto che il prossimo 10 febbraio su stimolo accolto dal Consiglio Comunale dedicheremo una targa, nella giornata del Ricordo, a tutti i martiri delle Foibe.

Share