Comitati Sanità, Lucca non dorma – Non lasciamoci distrarre dall’attuale tregua, il nemico pandemico non è ancora sconfitto.

Nei momenti dell’emergenza abbiamo ascoltato le dichiarazioni di Rossi e Tambellini su un Ospedale Campo di Marte da recuperare. Di padiglioni dedicati all’emergenza Covid e ad altre patologie infettive che si dovessero presentare in futuro. Di tamponi ed esami sierologici effettuati a tappeto, di team addestrati al tracciamento e rapido isolamento di eventuali focolai epidemici che si dovessero ripresentare.

Ma la situazione attuale ci appare molto meno chiara. Tamponi ed esami sierologici effettuati ancora con il contagocce, non si capisce in base a quale criterio e secondo quali linee guida. Spesso demandati al privato, a pagamento, così come si demandano al privato, decurtando le disponibilità economiche del servizio pubblico,  importanti e redditizi spezzoni di sanità.

Ci domandiamo e domandiamo ai vertici dell’Area Vasta alle autorità politiche: è stato già riorganizzato il Campo di Marte in base alle nuove necessità ed esigenze nate dagli evidenti errori  fatti nella programmazione sanitaria? Altrimenti:  avete un progetto da presentare ai cittadini di come intendete destinare i padiglioni del Campo di Marte? In particolare, cosa intendete fare del padiglione terzo, ex-chirurgico, che presenterebbe gravi deficit strutturali, tali da doverlo abbattere e ricostruire?

Chiediamo se avete un progetto da presentare. Perché molte erano le carenze della sanità nella Piana di Lucca già prima dell’emergenza Covid. Adesso ovviamente accentuate da un ulteriore necessità di strutture riabilitative per pazienti ex-Covid (si stanno tra l’altro  evidenziando seri postumi a livello polmonare e trombo flebitico). Occorrerà  quindi un ben definito progetto che riporti a norma i vari padiglioni del Campo di Marte per portarvi quei reparti Covid che avete annunciato, ma anche una completa struttura di riabilitazione, la scuola infermieri, l’hospice e dei reparti di media intensità di cura che già erano una delle carenze del San Luca.

Questa è l’occasione per ristrutturare in modo ottimale la sanità della Piana di Lucca devastata dall’insufficiente progetto del San Luca.  Fortunatamente il numero dei nostri malati Covid  è  stato molto contenuto rispetto al nord Italia e questo ci ha salvato dal completo disastro.

In ultimo vorremmo essere rassicurati e quindi conoscere linee guida, strutture e persone dedicate a quell’opera adesso essenziale: il rapido tracciamento ed isolamento di eventuali episodi epidemici che si dovessero presentare. Specie considerando l’improvvida decisione governativa di aprire a tutte le regioni già dal 3 giugno.

Comitati Sanità Lucca (in memoria di Raffaello Papeschi)

Share