Per l’intero turno delle giornate del 1 e 2 agosto è stato indetto a livello nazionale lo sciopero del settore Vigilanza privata e servizi fiduciari, il cui contratto collettivo nazionale di lavoro è scaduto da ormai tre anni e mezzo. Anche a Lucca è prevista un’alta adesione allo sciopero. La vertenza a livello nazionale riguarda circa centomila addetti. Le trattative si sono interrotte a causa dell’intransigenza delle Associazioni datoriali, che chiedono alle lavoratrici ed ai lavoratori del settore sacrifici insostenibili. Si chiede di ridurre il trattamento di malattia ed il periodo di comporto anche per l’infortunio; si pretenderebbe una flessibilità a tutto tondo, con  turni di 6 giorni a settimana fino a 13 ore di lavoro al giorno per diverse settimane all’anno; si vorrebbe ridurre il riposo giornaliero a piena discrezione dell’azienda; si chiede di gestire il riposo settimanale spostandolo anche di oltre 14 giorni. E di aumento salariale non se ne parla.

Ricordiamo che il settore è già caratterizzato da condizioni di lavoro di forte stress, i turni ruotano su 365 giorni all’anno di giorno e di notte. Sono innumerevoli i rischi del mestiere, se pensiamo che gli addetti sono anche incaricati di pubblico servizio e presidiano siti sensibili come tribunali, stazioni, porti e aeroporti, dovendo fare i conti anche con la criminalità organizzata, il terrorismo e la microdelinquenza.

 

Con queste due nuove giornate di sciopero e con i presidi che si terranno davanti alle Prefetture dei capoluoghi di regione – a Firenze saremo presenti venerdì 2 agosto dalle 10 alle 13 – chiediamo dignità e rispetto per le lavoratrici ed i lavoratori, per i quali è urgente anche l’interessamento delle Istituzioni. Non si può più consentire il risparmio sfrenato su chi mette a rischio anche la propria vita. E’ urgente inoltre – in questo come in tanti altri settori – dare una risposta al dumping contrattuale. Non possiamo accettare che a lavoratori che svolgono lo stesso lavoro vengano applicati contratti collettivi al ribasso, firmati da sindacati non rappresentativi.

Chiediamo l’immediato rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro della Vigilanza Privata e dei Servizi fiduciari.

 

Le segreterie provinciali

 

Filcams CGIL Lucca, Fisascat CISL e Uiltucs Toscana Nord

Share