Nell’Antica Roma, 27 gennaio: Festa di Castore e Polluce, dedicatio del tempio in onore dei divini gemelli

 

Il culto dei Dioscuri fu inoltre particolarmente legato alla classe degli equites, che forse erano stati decisivi nelle battaglie sannitiche ed al lago Regillo: eventi nei quali si decise di dedicare loro altrettanti templi

 

diDaniele Vanni

 

Oggi, si rievocava la dedicatio al  tempio: dedicatio aedis castrorum. che si trovava nel Foro romano.

 

Il culto dei Dioscuri fu inoltre particolarmente legato alla classe degli equitese probabilmente dal loro tempio partiva la tradizionale parata degli equites (transvectio equitum),istituita da Quinto Fabio Massimo Rulliano nel 304 a.C. e che si teneva ogni anno il 15 luglio, anniversario della battaglia definitiva nelle guerre sannitiche.

 

Le fonti citano a Roma un altro tempio dedicato ai Dioscuri, situato nella zona del Circo Flaminio, probabilmente collocato tra questo e la riva del Tevere: in questa zona infatti, presso la chiesa di San Tommaso ai Cenci, vennero ritrovate le due statue dei Dioscuri attualmente collocate sulla balaustra della piazza del Campidoglio.

 

 

Càstore(in greco antico: Κάστωρ, -ορος, in latino: Castōr, -ŏris) e Pollùce(in greco antico: Πολυδεύκης, -ους, in latino: Pollūx, -ūcis)  personaggi della mitologia greca e romana, figli gemelli di Zeus e di Leda, conosciuti soprattutto come i Diòscuri, ossia “figli di Zeus”, ma anche come Càstori.

Vengono talvolta considerati come patroni dell’arte poetica, della danza e della musica.

 

Castore e Polluce furono due degli Argonauti, gli eroi che parteciparono alla ricerca del Vello d’oro: Polluce – già celebrato come grande pugile – sconfisse in una gara di questa disciplina il re dei Bebrici, Amico.

Poco tempo dopo i gemelli diedero vita alla città eponima di Dioscuria, collocata secondo il mito in Colchide.

Successivamente avrebbero fondato anche una città nel Lazio: Amyclae.

 

Inoltre presero parte alla lotta contro Teseo, che aveva rapito la loro sorella Elena, nascondendola ad Afidne; dopo quest’ultimo combattimento Zeus concesse loro l’immortalità.

 

Si narra inoltre che abbiano preso parte alla Battaglia della Sagra tra le file dei locresi e dei reggini (Locri Epizephiri e Rhegion) in battaglia contro i crotonesi (Crotone).

 

Il fratello di re Tindaro, Afareo, era a sua volta padre di due gemelli: Ida e Linceo.

Castore e Polluce rapirono le promesse spose dei cugini e nell’imboscata che ne seguì, Castore fu ferito a morte. Polluce, volendo seguire il destino del fratello, volle vivere come Castore un giorno sull’Olimpo e uno nell’Ade.

Un altro mito, riportato da Euripidenella sua opera Elena (v. 140), ricorda invece che Zeus concesse – visto il loro profondo legame – di vivere per sempre nel cielo, sotto forma della Costellazione dei Gemelli.

 

Il loro culto, nato a Sparta (erano infatti considerati figli del re eponimo di questa città), si diffuse rapidamente in tutta la Magna Grecia, soprattutto in considerazione del fatto che venivano creduti protettori dei naviganti: il mito infatti racconta che Poseidone affidò loro il potere di dominare il vento insieme al mare.

 

A Roma, i Diòscuri (con il nome di Càstori) venivano ricordati nel loro tempio collocato all’interno del Foro Romano, nelle vicinanze del Tempio di Vesta, costruito per un voto offerto dal dittatore Aulo Postumio durante la battaglia del Lago Regillo.

Il risultato della battaglia, inizialmente sfavorevole ai guerrieri dell’Urbe, si diceva deciso dall’apparizione dei mitologici Dioscuri, Castore e Polluce. Narra Dionigi d’Alicarnasso: «Nel corso del combattimento apparvero, tanto al dittatore Postumio quanto ai soldati, due cavalieri di età giovanile, assai superiori a chiunque altro per bellezza e per statura. Essi si posero alla testa della cavalleria romana e, respinto l’attacco dei Latini, li misero in fuga. È fama che quella sera stessa furono visti nel Foro romano due giovani di straordinaria bellezza, in abito militare, che sembravano reduci da un combattimento e portavano cavalli madidi di sudore. Essi abbeverarono gli animali e si lavarono alla sorgente che scaturisce presso il tempio di Vesta… e a quanti domandavano notizie, riferirono dell’andamento e dell’esito della battaglia e della piena vittoria dei Romani; quindi, allontanatisi dal Foro, non furono visti mai più».

Sempre Dionigi dice che i Romani si resero conto che si trattava di un’apparizione miracolosa e rapidamente identificarono i due giovani con Castore e Polluce.

Tito Livio, invece, scrive che nel momento più drammatico della battaglia Aulo Postumio aveva fatto voto, in caso di vittoria, di erigere un tempio a Castore.

Questo episodio leggendario raccontato da Dionigi è successivo ad un episodio analogo, ugualmente leggendario: nel corso della battaglia del fiume Sagra combattuta intorno al 550 a.C. tra Locri e Crotone i soldati di Locri, meno armati e meno numerosi di quelli di Crotone, vinsero solo dopo il fondamentale intervento di due giovani a cavallo, di straordinaria bellezza e di grande valore, che anche in questo caso, a battaglia conclusa, apparvero a Locri per annunciare la vittoria. Anche loro furono identificati dai Locresi nei Dioscuri.

 

Il 15 luglio, era tradizione che gli equites svolgessero una processione fastosa a cavallo verso il tempio, dato che consideravano i Dioscuri, celebri cavalieri, i propri protettori.

 

Nell’antica Roma era presente anche un secondo tempio di età repubblicana, ubicato in prossimità del Circo Flaminio.

 

Iconografia

 

Sono generalmente rappresentati in nudità eroica, con il pileo, un copricapo a forma di guscio che ricorda il mito secondo cui sarebbero nati da un uovo insieme alla sorella Elena, una stella sulla fronte ed un mantello.

 

In genere, vengono accompagnati da un cavalloe, a volte, recano con sé una lancia.

Vennero rappresentati quasi ininterrottamente sul rovescio della principale moneta romana, il denario, dalla incerta data della sua emissione (che i più ritengono avvenuta nel 211 a.C.) fino alla seconda metà del II secolo a.C.

 

 

Share