Nell’Antica Roma, 19-21 Luglio, le Lucaria in onore di Lucar, la divinità dei boschi

 

 

Le Lucaria, Lucar, la Gens Fabia, e la loro profondissima religiosità, gli elefanti di Annibale, gli Apuani e Luni…quante cose, nell’antichissima festa romana di oggi, ci riconduce alla fondazione della Colonia (guidata da un consule dei Fabii!) della città dalla 100 chiese: Lucca!

E non è difficile che la Colonia di Lucca sia stata fondata proprio in questi giorni! Non è proprio in questa prossimità che la Chiesa ricorda S. Paolino, Patrono di Lucca??!

 

 

 

 

di Daniele Vanni

 

 

Nell’Antica Roma, dal 19 e 21 Luglio, Le Lucaria, Festività dedicata ad una divinità quasi sconosciuta patrona dei boschi: Lucar

Le Lucarie (in latino: Lucaria, -ium) erano una festività strana, perchè dedicata a una divinità innominata: forse così antica che se ne era persa la memoria.

 

Come feste strutturate e fisse, le Lucarie vennero istituite per celebrare le divinità dei boschi che, dopo la durissima disfatta subìta dai Romani ad opera dei Galli il 18 luglio del 390 a.C.nella piana solcata dall’Allia, modesto affluente di sinistra del Tevere, consentirono a numerosi superstiti di scampare al massacro, disperdendosi fra le fronde e le frasche delle rive di questo fiumiciattolo.

In seguito a questa sconfitta, Roma fu espugnata dai Galli Senoni di Brenno e subì un disastroso saccheggio.

La data del 18 luglio, dies Alliensis che corrispondeva appunto alla battaglia del fiume Allia, fu sempre considerata infausta dai Romani.

Di contro le Lucarie sottolineavano il ruolo positivo dei fuggitivi che si erano imboscati nelle selve intorno alla via Salaria, i quali poterono contribuire alla riorganizzazione dell’esercito che in breve tempo riconquistò la città.

Non è un caso che la festa iniziasse l giorno dopo. E forse qualcuno, a conoscenza del giorno infausto e di questa superstizione, dette il via, o alimentò, l’incendio del 18 luglio del 64 d.C.!

 

Secondo un’altra interpretazione la festa è dedicata genericamente a tutti i boschi e le divinità boschive, con riferimento a quei gruppi di alberi che venivano lasciati intatti dopo il disboscamento di un’area (lucus), necessario alla sua antropizzazione.

 

Per Ovidio è festa consacrata a un asilo che Romolo avrebbe fondato nei pressi del Tevere. Lazio del resto, si diceva volesse dire: “rifugio”.

 

Recentemente la festività è stata simbolicamente ripristinata dalla Soprintendenza Archeologica di Roma, con eventi e spettacoli ambientati nell’area archeologica di Crustumerium, ad una quindicina di chilometri da Roma, oltre Settebagni, che secondo le fonti antiche corrisponde al bacino idrico dell’Allia; nello stesso abitato di Settebagni la avveduta competenza dei servizi di toponomastica dei decenni centrali del XX secolo provvide a denominare Via delle Lucarie una delle principali strade della borgata.

 

 

Battaglia del fiume Allia (in latino “Clades Alliensis”)

 

Fa parte delle guerre Romano-celtiche

 

Data:         18 luglio 390 a.C.

Luogo:       Nei pressi del fiume Allia

Esito:Vittoria delle tribù galliche

Schieramenti:

Repubblica romana / Galli Senoni

Comandanti:

Tribuni militari con potestà consolare: Q. Fabio Ambusto, Cesone Fabio Ambusto, Nigidio Fabio Ambusto, Q. Sulpicio Longo, Q. Servilio Fidenate, P. Cornelio Maluginense / Brenno

Effettivi:

Si parla di circa 15.000 uomini (2 legioni + alleati latini) da parte dei Romani e addirittura di circa 170.000 per i Barbari, ma i numeri, soprattutto dei Galli sono spropositatai

 

La sconfitta dell’esercito romano permise ai Galli la conquista di Roma.

 

 

 

Antefatti

 

La presenza celtica, nel nord Italia, risaliva all’età del Bronzo e alle Cultura di Canegrate e Cultura di Golasecca. Fu una penetrazione lenta e indolore, iniziata forse fin dal XIII sec.Rrisale al VII sec. a.C. la più antica iscrizione celtica in Italia, oggi conservata nella Biblioteca di Castelletto sopra Ticino.

Diversa fu la migrazione di massa del VI sec. a.C., che portò alla colonizzazione della Pianura Padana. In Emilia si stabilì la potente confederazione dei Boi, in Romagna e nelle Marche, si stabilirono i Senoni in quello che venne denominato Ager Gallicus, dal fiume Montone, nell’attuale Romagna, fino ad Ancona. Attorno al 391 una tribù dei Senoni, al comando di un Brenno si spinse nel cuore dell’Etruria piantando il campo davanti a Chiusi, città etrusca sul confine toscano. Gli Etruschi di Chiusi chiesero aiuto ai Romani. Roma non diede un aiuto militare, ma inviò in qualità di ambasciatori, per trattare con i Galli, i tre figli di Marco Fabio Ambusto. Costoro non solo condussero l’ambasceria in modo arrogante, ma addirittura presero parte ad un combattimento nelle file degli Etruschi di Chiusi contro i Senoni, e uno di essi colpì e uccise un condottiero dei Galli. I Senoni chiesero alla repubblica romana la consegna dei temerari violatori del diritto delle genti (gli ambasciatori, essendo consacrati, durante le loro funzioni non potevano toccare il ferro né versare sangue). Il Senato romano, pur giudicando giusta la richiesta dei Senoni, rifiutò di dar loro soddisfazione per le pressioni della Gens Fabia; anzi la potente gens riuscì a far nominare i tre Fabi addirittura tribuni consolari per l’anno 390 assieme a Quinto Sulpicio Longo, Quinto Servilio e Publio Cornelio Maluginense.Indignato Brenno, re dell’esercito dei Galli, levò l’assedio di Chiusi e con tutta l’armata si volse verso Roma. I Romani allestirono in fretta un esercito improvvisato.

 

La battaglia

 

Lo scontro fra i due eserciti avvenne sul fiume Allia, «ad appena undici miglia dalla città, là dove il fiume Allia, scendendo dai monti Crustumini in una gola profonda, si getta nel Tevere poco sotto la strada»; il fiume Allia corrisponde probabilmente all’attuale “Fosso Maestro”, un piccolo affluente di sinistra del Tevere.

Mentre l’esercito celtico con ogni probabilità era ben addestrato ed equipaggiato, sebbene desse l’impressione di avanzare come un branco di predoni non organizzato, quello romano era poco più che raccogliticcio e composto da due legioni più gli alleati latini. La condotta dei Romani, così come descritta dai primi analisti e da Tito Livio, appare presuntuosa e temeraria. I tribuni militari schierarono l’esercito «senza aver scelto in anticipo uno spazio per il campo, senza aver costruito una trincea che potesse fungere da riparo in caso di ritirata, dimentichi, per non dire degli uomini, anche degli dèi, non essendosi minimamente preoccupati di trarre i dovuti auspici e di offrire sacrifici augurali». Dopo le prime manovre (le riserve romane conquistano un’altura, i Galli si dirigono contro di loro), inopinatamente, il grosso dell’esercito romano si diede a una fuga precipitosa prima ancora che cominciasse il combattimento. Narra Livio:

 

(LA)

« In reliqua acie simul est clamor proximis ab latere, ultimis ab tergo auditus, ignotum hostem prius paene quam uiderent, non modo non temptato certamine sed ne clamore quidem reddito integri intactique fugerunt; nec ulla caedes pugnantium fuit; terga caesa suomet ipsorum certamine in turba impedientium fugam. Circa ripam Tiberis quo armis abiectis totum sinistrum cornu defugit, magna strages facta est, multosque imperitos nandi aut inualidos, graues loricis aliisque tegminibus, hausere gurgites; maxima tamen pars incolumis Ueios perfugit, unde non modo praesidii quicquam sed ne nuntius quidem cladis Romam est missus. Ab dextro cornu quod procul a flumine et magis sub monte steterat, Romam omnes petiere et ne clausis quidem portis urbis in arcem confugerunt. »

(IT)

« Non appena le grida dei Galli arrivarono alle orecchie dei più vicini di fianco e ai più lontani dalle spalle, i Romani, prima ancora di vedere quel nemico mai incontrato in precedenza e senza non dico tentare la lotta, ma addirittura senza far eco al grido di battaglia, si diedero alla fuga integri di forze e illesi. In battaglia non ci furono perdite. Gli uomini delle retrovie furono gli unici ad avere la peggio perché, nella confusione della fuga, si intralciavano a vicenda combattendo gli uni con gli altri. Sulla riva del Tevere, dove erano fuggiti quelli dell’ala sinistra dopo essersi liberati delle armi, ci fu una grande strage: moltissimi, non sapendo nuotare o stanchi, appesantiti dalle corazze e dal resto dell’armatura, annegarono nella corrente. Il grosso dell’esercito riuscì invece a riparare sano e salvo a Veio. E di lì non solo non furono inviati rinforzi a Roma, ma nemmeno un messaggero con la notizia della disfatta. Gli uomini schierati all’ala destra, che si era mantenuta lontana dal fiume in un punto più vicino alle pendici del monte, si diressero in massa a Roma e lì, senza nemmeno preoccuparsi di richiudere le porte, si rifugiarono nella cittadella. »

 

(Tito Livio, Ab Urbe condita libri, V, 38)

 

Gli stessi Galli rimasero sbalorditi per la conclusione così improvvisa della battaglia. In seguito alla disfatta dell’Allia, e al Sacco di Roma che ne seguì, i romani adottarono le necessarie misure per ottenere un esercito più mobile e compatto tale che i Galli verranno vinti in tutte le altre battaglie (Battaglia del Sentino, Battaglia di Talamone, Battaglia del lago Vadimone, etc.). Da quel giorno, comunque, la data del 18 luglio fu annoverata nel calendario ufficiale romano come “Dies nefastus” (Giorno sfortunato).

Share