500° anniversario della nascita di Giuseppe Porta 

 

Nell’anno 1520 nacque a Castelnuovo Garfagnana, allora feudo estense in territorio toscano, il pittore Giuseppe Porta.

Fu allievo di Francesco Salviati, a quel tempo una delle personalità emergenti nel panorama artistico romano, dal quale assunse il nome d’arte di “Salviati” o “Salviatino”

Il Porta fu un apprezzato artista, le cui opere furono commissionate sia a Roma che a Venezia, città dove si trasferì nel 1539 e dove risiedette fino alla sua morte avvenuta nel 1575.

Per celebrare il 500° anniversario di questo illustre concittadino, l’Amministrazione Comunale ha allestito, presso il Loggiato a lui intitolato, l’esposizione delle riproduzioni di alcune delle sue maggiori opere, oggi visibili in famose chiese e prestigiosi palazzi di Venezia e di Roma.

Un’opportunità per conoscere meglio la vita e le opere di questo illustre cittadino di Castelnuovo di Garfagnana.

Biografia

Figlio di Ludovico e di una certa Maria de Rocca, nacque nell’anno 1520 a Castelnuovo di Garfagnana.

Stando a Giorgio Vasari, la sua formazione si svolse a Roma, dove giunse nel 1535 accompagnato da uno zio segretario del vescovo di Pisa che lo mise a studiare con Francesco Salviati

Tra i lavori più importanti eseguiti a cavallo della metà del secolo vanno ricordati: la Presentazione di Gesù al Tempio, eseguita nel 1548; la Deposizione dalla Croce per S. Pietro Martire a Murano, risalente al 1548-50 circa; l’Assunzione della Vergine del 1550-55 circa.

Nel 1556 partecipò alla decorazione del soffitto della Biblioteca Marciana di Venezia. Porta contribuì con tre tondi allegorici raffiguranti Minerva, la Fortuna e la Virtù, Le arti di fronte e Mercurio e Plutone ed Ercole e Bellona.

Morì a Venezia nel 1575.

Share