Frediani:”Un progetto importante che mira alla socializzazione delle famiglie e a sviluppare la cultura del consumo di prodotti a chilometri zero”

NEL CENTRO DI CAPANNORI NASCERANNO 20 ORTI URBANI GRAZIE AD UN FINANZIAMENTO REGIONALE DI 25.500 EURO OTTENUTO DAL COMUNE

Nell’ambito del bando ‘Centomila orti in Toscana’

Entro la fine dell’anno nel centro di Capannori, in prossimità della sede comunale, nasceranno 20 orti urbani grazie ad un finanziamento regionale di 25.500 euro che il Comune si è aggiudicato partecipando al bando ‘Centomila orti in Toscana’ a cui si aggiunge un contributo comunale di circa 11 mila euro.unnamed (22)

Gli orti, di 30 metri quadrati ciascuno, saranno realizzati su un terreno di proprietà comunale di 1.700 metri quadrati situato in via per corte Fontana, in una zona fortemente urbanizzata, attualmente inutilizzato e saranno messi a disposizione delle famiglie del territorio. A gestirli sarà un’associazione composta prevalentemente da giovani che sarà individuata attraverso un bando pubblico.

Si tratta di un progetto importante che ha una doppia valenza – spiega l’assessore all’agricoltura Serena Frediani –. Da una parte vuole favorire l’attività di socializzazione tra le persone che vivono nell’area ma anche nelle zone limitrofe favorendo l’aiuto reciproco, lo scambio di informazioni e il confronto tra persone di generazioni diverse e dall’altra mira a recuperare un terreno incolto e a sviluppare e promuovere la cultura del consumo di prodotti a chilometri zero. Un progetto quindi che promuove anche una cultura legata al cibo sostenibile che in questi anni abbiamo sviluppato con vari progetti ed iniziative tra cui l’importante esperienza degli orti scolastici”.

Nell’area dove saranno ricavati gli orti saranno realizzati un magazzino comune per il deposito degli attrezzi e un pozzo artesiano per garantire la fornitura di acqua per l’irrigazione, con un impianto di distribuzione che servirà ogni orto. L’area sarà inoltre suddivisa attraverso vialetti pedonali di accesso agli orti e sarà dotata di una recinzione con un cancello. Per favorire la socializzazione e l’aiuto reciproco tra gli utilizzatori i singoli orti non saranno chiusi da recinzioni ma da materiali di arredo. In programma inoltre un’area attrezzata di ritrovo con la presenza di panchine, cestini portarifiuti,  portabiciclette e servizi igienici. Gli arredi saranno in plastica riciclata.

Share