NASCE “PROGETTO PIETRASANTA 2023”

UN NUOVO MOVIMENTO CIVICO E APERTO PER IL CAMBIAMENTO

Un’assemblea molto affollata nella sala della Croce Verde ha salutato la nascita di un
nuovo movimento civico e aperto: Progetto Pietrasanta 2023. L’incontro è stato
promosso come momento di continuità rispetto all’esperienza di militanza fatta da
tante cittadine e cittadini nel corso della campagna elettorale appena conclusa e ha
visto la partecipazione oltre che di Ettore Neri e delle liste di PD ed Insieme per
Pietrasanta anche del candidato della sinistra Marco Dati e di tanti rappresentanti
del mondo delle associazioni, delle categorie, delle imprese. “Siamo un gruppo ricco
di energia e passione per questa città, un movimento civico e aperto di
impostazione progressista che nasce con grande entusiasmo – commenta Ettore
Neri – il nostro obiettivo è coinvolgere ogni singolo cittadino in una permanente
mobilitazione civica e democratica. Il territorio comunale va vissuto, pensato e
interpretato sul lungo periodo e le scelte programmatiche ritenute fondamentali
devono essere elaborate nel quadro di un’ampia discussione pubblica condivisa e
sedimentata nel tempo. Per questo il progetto guarda al 2023 per formare una
nuova e alternativa classe dirigente che deve avere il tempo giusto per far conoscere
le proprie qualità anche alle masse distratte della popolazione. Un movimento ed un
progetto che permette di aprire a persone che hanno sensibilità e attenzione al
bene comune simili alle nostre, offrendo loro la possibilità di partecipare
attivamente senza l’obbligo di una appartenenza partitica”.
Il movimento si organizzerà e strutturerà attraverso luoghi virtuali, è già nata una
pagina facebook, ma anche grazie a referenti per ogni frazione che diventino il
punto di riferimento dei cittadini per le segnalazioni e i bisogni della comunità.
“Promuoveremo una serie di dibatti ed incontri pubblici sui principali temi:
immigrazione, accordo Coop/Conad, mobilità sostenibile, vendita parcheggi, museo
Mitoraj, “fare cultura” a Pietrasanta. Chi governa il Comune – conclude Ettore Neri –
ha effettivamente tanti vantaggi rispetto alle opposizioni, le opposizioni hanno però
una carta decisiva a loro vantaggio: la piazza e la strada.”

Share