Nasce a Lucca la prima ludoteca comunale

Al Bucaneve di Santa Maria a Colle grazie alla collaborazione tra amministrazione comunale, centro di cittadinanza e famiglie la ludoteca di comunità

LUCCA. Nasce a Lucca la prima Ludoteca comunale e sarà una ludoteca di comunità. Il Comune di Lucca l’ha realizzata al Centro Il Bucaneve di Santa Maria a Colle nella ex scuola restituita alla popolazione grazie al Patto di Collaborazione Civica fra il Comune stesso e cittadini.

La Ludoteca offrirà molte attività gratuite a genitori e bambini da zero a sei anni grazie anche al progetto “Lucca In: inter-relazioni in natura contro la povertà educativa”, coordinato dal Comune di Lucca. Sabato 1 dicembre i nuovi spazi verranno inaugurati con una festa dalle 15.30 alle 19 e un pomeriggio per bambini e famiglie con laboratori a tema arte e natura, dove sarà possibile giocare e fare merenda insieme e conoscere le attività in partenza.

“Il Comune di Lucca apre con soddisfazione la prima ludoteca comunale -afferma l’assessora alle politiche formative del Comune di Lucca Ilaria Vietina-. La ludoteca è luogo dove bambine e bambini con i propri genitori e familiari possono incontrarsi per sperimentare il gioco come momento educativo e sociale. Questa prima ludoteca comunale, che si aggiunge al “tempo di Momo” gestita da Caritas e Comunità di S. Egidio, in collaborazione con l’amministrazione, si presenta come nuova opportunità che si affianca ai servizi educativi e alle attività di formazione per bambine e bambini. La sua presenza all’interno del Centro Bucaneve permette inoltre di individuarla come Ludoteca di Comunità. Si propone infatti come un luogo aperto alle proposte e all’attivismo di genitori e cittadini in cui si sperimenta il grande valore della collaborazione fra istituzioni e cittadinanza per ricostruire il senso di appartenenza ad una stessa comunità”.

La Ludoteca sarà aperta e fruibile per il gioco libero grazie alla cura del gruppo di cittadini attivi che hanno stretto il patto con l’amministrazione comunale. Oltre all’apertura ordinaria, grazie al progetto Lucca In, verranno avviate da dicembre attività gratuite in collaborazione con diverse associazioni.

Tutti i sabato mattina, dal 15 dicembre, anche durante le vacanze scolastiche (ad eccezione dei sabato festivi), dalle 10 alle 12 la Ludoteca sarà aperta con attività gratuite per bambini e famiglie promosse dalla cooperativa Dado Magico. L’obiettivo è quello di costruire momenti dedicati al gioco come opportunità per rafforzare le relazioni tra genitori, nonni, educatori e tutta la comunità. Saranno realizzati laboratori di arte, musica e gite all’aperto.

Tante poi le altre attività che periodicamente animeranno la Ludoteca di comunità. Il 6-13-20 dicembre e il 10 e 17 gennaio l’associazione Giardini del Futuro organizza “C’era una volta il gioco”, laboratori per bambini e genitori per realizzare i giochi con materiali naturali e di recupero.

Dal 26 gennaio ogni sabato dalle 15.30 alle 17.30 l’associazione Paideia propone “Nessuno cresce da solo”: una piccola scuola per genitori per confrontarsi sulla relazione fra genitori stessi e con i bambini. Dal 20 febbraio al 20 marzo ogni mercoledì dalle 18 alle 20 l’associazione Communitas organizza invece “Separati ma ancora genitori”, un percorso per genitori separati che vogliano interrogarsi sulla propria genitorialità. A partire da marzo 2019 il Panatlhon International organizzerà incontri di educazione motoria per bambini da 3 ai 5 anni e genitori. Sempre da marzo Giardini del Futuro proporrà “Giocare è naturale”, attività ludico-ricreative all’aria aperta; da giugno 2019 La Città delle Donne organizzerà “Non voglio essere una principessa rosa”, letture animate e laboratori per riflettere sugli stereotipi di genere. Tutte le informazioni e la descrizione delle attività della Ludoteca di Comunità sono sul sito del progetto Lucca in e sulla pagina facebook.

Il progetto “Lucca In: inter-relazioni in natura contro la povertà educativa” vede la partecipazione di Comuni e associazioni della piana che lo stanno portando avanti per dare nuove possibilità educative alle famiglie tramite due anni di attività in asili nido, ludoteche e scuole.

Il progetto ha ottenuto un finanziamento di 416.000 euro dopo aver vinto il bando per la prima infanzia dell’impresa sociale “Con i bambini”, impresa che gestisce i bandi finanziati dal Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, nato da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori.

Share