Si trovava lì con il figlio, nell’immobile di sua proprietà, quando, all’improvviso, per cause ancora tutte da accertare, nei pressi di un parapetto fatto di assi di legno, posto su un dislivello a delimitazione dell’area, è caduto in un fossato sottostante, da un’altezza di due metri, ed ha battuto violentemente la testa

Ha perso così la vita Francesco Ferrara, 66 anni, nel suo fabbricato ad uso artigianale a ridosso della statale 12 del Brennero, in località Chifenti, a Borgo a Mozzano. L’uomo, pensionato, era  residente a Marlia.

La tragedia è avvenuta questa mattina. L’allarme, la centrale del 118, l’ha ricevuto intorno alle 8.40. Sul posto si sono diretti i sanitari, i vigili del fuoco di Lucca, l’Asl e i carabinieri di Borgo a Mozzano per i rilievi..

I pompieri sono intervenuti per recuperare la salma che si trovava nel fosso vicino al fabbricato. Ora, per accertare le cause di morte, è stato disposto l’esame esterno del cadavere, quindi il corpo sarà trasportato presso l’obitorio.

Share