All’età di 82 anni si è spento questa mattina a barga il Prof. Gian Luigi Ruggio, forse il più grande “pascoliano” al mondo.

Ruggio da alcuni decenni era curatore di “casa pascoli”, incarico al quale teneva moltissimo che gli ha permesso di diventare un punto di riferimento della cultura italiana.

Gian Luigi Ruggio come molti sanno e ricorderanno era un esperto meteorologo, si dice che sia stato il primo in Italia a fare le previsioni a durata settimanale, lo faceva curando ben due pagine sulla “domenica del corriere”.

In molti lo ricorderanno come volto televisivo prima  a TeleCiocco poi TIESSE Barga e dal 1990 per alcuni anni anche su NoiTv.

Gianluigi Ruggio è stato uno dei primi a parlare di terremoto in televisione, a spiegare che da questo evento ci si poteva difendere in un solo modo; costruendo edifici più sicuri.

A seguito di una scossa di terremoto era lui in prima persona su TIESSE  e anche su NOITV a rispondere alle domande dei cittadini che intervenivano telefonicamente sempre in compagnia del suo amico Giancarlo Marroni.

Il tri-laurea Prof. Gian Luigi Ruggio da alcuni mesi era molto malato è stato seguito sia dai servizi sociali che dai volontari della CARITAS che lo hanno assistito fino alla sua morte, sarebbe bello, che il Comune di Barga o la Fondazione Pascoli ricordasse questa figura in un modo davvero speciale degna del suo spessore culturale

Share