MINESTRA DI FAGIOLI E RAPINI

mettete i fagioli rossi, scritti lucchesi, in ammollo per almeno 12 ore, poi lessateli con salvia e aglio senza mettere il sale.
Lavate i rapini, lessateli in acqua abbondante, poi scolateli e tritateli grossolanamente, nel frattempo preparate un soffritto finissimo di carota, sedano, cipolla, gambi di prezzemolo, una fetta di lardo, o anche mezzina.
Mettete i fagioli in una pentola dopo che sono cotti, mettete il soffritto e insaporite, poi subito i rapini, mescolate bene e insaporite, quindi unite il brodo di cottura dei fagioli, alcuni fagioli passati al passaverura, salate e pepate, se volete un cucchiaino di concentrato di pomodoro (quello della nonna sarebbe l’ottimale) cuocete alcuni minuti, assaggiate e correggete se qualcosa non andasse come volete voi.
Servite caldissimo con pepe a mulinello e olio di contadino da mettere a piacere, se alcuni di voi lo volessero si può mettere della pasta, taglierini fatti in casa oppure i fatidici pater nostri o ditalini, comunque pasta corta se è pasta secca.
FONTE EZIO LUCCHESI

Share