Migros richiama i biscotti “Blévita” ai semi di zucca. Rischio per la salute delle persone allergiche per proteine del latte non dichiarate in etichetta

 

Durante una verifica interna effettuata dal fornitore, nel prodotto «Blévita ai semi di zucca, in porzioni, senza lattosio» sono state individuate proteine del latte benché questo prodotto non debba contenerne. Siccome il consumo di questi Blévita comporta un rischio per la salute nei soggetti allergici alle proteine del latte, Migros richiama il prodotto. Per tutte le altre persone, anche per coloro che soffrono di intolleranza al lattosio, non vi è alcun pericolo. Il richiamo riguarda due lotti con data minima di conservabilità 12.12.2016 e 31.12.2016. Siccome il suo consumo comporta un rischio per la salute nei soggetti allergici alle proteine del latte, Migros richiama il prodotto. Tutte le altre persone possono consumare il prodotto senza alcun timore. Gli articoli possono essere restituiti in qualsiasi filiale Migros, ottenendo il rimborso del prezzo di acquisto. Il prodotto, spiega Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione ormai punto di riferimento per la sicurezza alimentare, potrebbe infatti scatenare allergie nei consumatori per la presenza accidentale di tracce indesiderate di questo componente non riportate nella lista degli ingredienti. I sintomi che potrebbero essere scatenati in caso di allergia includono prurito e gonfiore a labbra, palato e gola, nausea o vomito, crampi e gonfiori addominali, diarrea, flatulenza, orticaria, difficoltà respiratorie e mal di testa. In caso di reazione allergica grave si può avere a che fare con uno shock anafilattico, situazione caratterizzata da seri problemi respiratori e brusche cadute di pressione che può portare anche alla perdita di coscienza. Nel caso in cui compaiano sintomi di questo tipo è importante cercare subito l’aiuto di un medico. In particolare, lo shock anafilattico è una situazione di emergenza che richiede il ricovero ospedaliero e in cui temporeggiare può risultare fatale. Da un punto di vista sanitario si tratta di una non conformità con un elevato indice di rischio per gli allergici o colori i quali presentano un’intolleranza al latte. Mentre non ci sono problemi per tutte le altre persone che possono consumare senza problemi il prodotto oggetto del ritiro.

Lecce, 14 ottobre 2016                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

 

Share