Microsoft compra LinkedIn per 26 miliardi (in contanti)

Microsoft acquisisce LinkedIn per 26,2 miliardi di dollari: l’annuncio ufficiale verrà dato in una conferenza oggi stesso, ma intanto la notizia si può già leggere sul blog ufficiale dell’azienda di Redmond. L’accordo prevede che Microsoft paghi per il social media 196 dollari ad azione (in contanti), contro i 131 dell’ultima quotazione in Borsa, lo scorso venerdì.

 

0a9034b5f91f5a1f7778a45643837609-ktaH-U1080748933153pHG-1024x576@LaStampa.it

Nata nel 2002, LinkedIn è il più grande network professionale del mondo, con oltre 433 milioni di iscritti e un’offerta di oltre 7 milioni di posti di lavoro. Lo scorso anno, grazie soprattutto alla spinta sulle piattaforme mobili, ha fatto registrare una crescita del 19%. È la prima mossa di Nadella nel settore dei social network: l’azienda infatti possiede già Yammer, acquistato quattro anni fa per 1,2 miliardi di dollari, ma aveva investito in Facebook proprio agli inizi dell’avventura di Zuckerberg.

 

I NUOVI EQUILIBRI

Questa è la più grande acquisizione da quando Satya Nadella è stato nominato Ceo, e come lui stesso spiega in una nota ai dipendenti, risponde a tre criteri: amplia le opportunità e il mercato di Microsoft, è uno standard consolidato nel suo settore, si allinea con il business dell’azienda. Nel dettaglio, Nadella non spiega bene il ruolo di LinkedIn all’interno di MIcrosoft, ma ci tiene a precisare che almeno all’inizio il social network professionale rimarrà indipendente e conserverà il suo attuale Ceo, Jeff Weiner. È però evidente che l’acquisizione è un altro tassello che si aggiunge all’offerta professionale di Microsoft, che include il pacchetto Office, il già citato Yammer, ma pure Skype e il recente lancio di Planner, una bacheca elettronica che fa concorrenza a prodotti come Trello e Asana.

 

LA SFIDA A GOOGLE

Così, quindi, Nadella ha una famiglia di strumenti potenti e flessibili dedicati al mondo professionale: tutti fanno capo all’infrastruttura cloud di Microsoft, ma tutti possono essere usati su piattaforme diverse, dal computer aziendale allo smartphone, indipendentemente dalla marca e dal sistema operativo. E qui da una parte la mossa mira a togliere spazio a Google e ai suoi strumenti dedicati al lavoro, dall’altra a tagliare la strada all’annunciato debutto di Facebook at Work, una versione del popolare social network pensata per le aziende.

 

LE NOVITA’ DI MICROSOFT

Nadella ha lasciato Redmond ed è arrivato a Mountain View per presentare l’accordo con LinkedIn, proprio a due passi dalla sede di Google. Ma nella sua nota non manca di ricordare che oggi per Microsoft è un giorno particolarmente importante, anche perché tra qualche ora all’E3 di Los Angeles è atteso il debutto della nuova Xbox riveduta e corretta, pensata per la realtà virtuale e il 4K. Tutto mentre a San Francisco Apple si prepara a officiare l’annuale WWDC, la conferenza degli sviluppatori e presentare le novità per le sue piattaforme: dal Mac all’Apple Watch, dalla Tv a iPhone e iPad. Quando si dice la scelta del momento giusto.

fonte la stampa

Share