Media-grande distribuzione, il sindaco incontra i sindacati Tavolo tecnico proposto da Alberto Coluccini

Un tavolo di concertazione tra Comune di Massarosa, sindacati e proprietà. Incontro lunedì scorso tra il sindaco Alberto Coluccini e i rappresentanti sindacali di FILCAMS CGIL Lucca, UILTuCS Toscana area Versilia e con alcuni dipendenti del supermercato TuoDì di Montramito. Al centro del confronto la preoccupazione delle parti sociali per l’imminente apertura di due nuovi supermercati su territorio di Massarosa.

I sindacati si sono detti preoccupati che le due nuove attività possano da una parte andare a mettere un crisi un settore, quello della media-grande distribuzione, che nella zona della Versilia è già considerato saturo. Dall’altra temono che questa concorrenza possa mettere in difficoltà il commercio tradizionale causando la perdita di posti di lavoro.

Il sindaco ha ascoltato le istanze dei sindacati, poi ha spiegato. “Le aperture dei due centri di media distribuzione, Coop ed Eurospin, purtroppo sono state approvate dalla precedente amministrazione. Hanno fatto una apposita modifica agli strumenti urbanistici proprio per permettere le due aperture. E’ della passata amministrazione e del vicesindaco Damasco Rosi quindi la grave responsabilità e la scelta politica di far aprire due nuovi supermecati, senza preoccuparsi del tessuto commerciale delle nostre frazioni”.

“Noi siamo dell’idea – ha aggiunto il primo cittadino – che tra grande distribuzione e negozi di vicinato debba essere trovato il giusto equilibro. Siamo preoccupati per queste due nuove aperture nella zona di Montramito. Sono diversi i temi che ci preoccupano: l’aggravio di traffico che i supermercati causeranno, la crisi in cui saranno trascinate le piccole botteghe, e anche la potenziale perdita di appeal di un area che secondo noi dovrebbe essere vocata al commercio b2b, ossia tra aziende, non al dettaglio”. Si è poi detto disponibile a farsi promotore di un tavolo tecnico tra amministrazione comunale, sindacati e le proprietà dei due nuovi supermercati, in Ccn del Comune e le associazioni di categoria quali Confesercenti, Confcommercio e Confartigianato per gestire in maniera coordinata in particolare le questioni riguardanti i lavoratori.

Share