Marlia, radiografo rotto da prima dell’estate;

Marchetti e Scannerini (FI) «Anziani della Rsa e utenza della Piana costretti a trasferta: perché?»

 

Il Capogruppo di Forza Italia Maurizio Marchetti porta il caso in Regione

«Tempi certi per il ripristino del servizio di radiodiagnostica»

 

«Tempi certi per il ripristino del servizio di radiodiagnostica nella Casa della Salute di Marlia, nel territorio di Capannori, e spiegazioni sullo stop dell’attività ormai da prima dell’estate»: è con queste richieste che il Capogruppo di Forza Italia nell’Assemblea toscana Maurizio Marchetti porta in Regione i problemi di uno tra i principali punto di riferimento per la salute nella Piana di Lucca, ovvero la Casa della Salute di Marlia che ospita, tra i vari servizi, anche la Rsa Don Gori. E proprio per verificare le segnalazioni ormai un tam tam nel Capannorese, nei giorni scorsi in sopralluogo alla casa di riposo e all’intera struttura della Asl Toscana Nord Ovest si era recato il Capogruppo di Forza Italia al Comune di Capannori Matteo Scannerini.

«Oltre alla chiusura della sala radiografica – spiega Scannerini – ho incontrato persone in attesa da ore per appuntamenti slittati senza sapere fino a quando, altre in difficoltà a fissare appuntamenti… insomma, una disorganizzazione complessiva inaccettabile per un polo sanitario fondamentale per il territorio qual è quello di Marlia».

Da lì all’interrogazione di Regione da parte di Marchetti il passo è stato breve: «Quella Casa della Salute – ricorda il Capogruppo regionale degli azzurri anche nel suo atto – è un centro multiservizi che comprende distretto sanitario, modulo di cure intermedie, appartamenti assistiti Il Lavatoio e la Rsa Don Gori. Aver verificato grazie al sopralluogo del Consigliere Scannerini le molteplici disfunzioni sofferte dalla struttura, ma soprattutto del mancato funzionamento dell’apparecchio di radiodiagnostica ormai da mesi non è una cosa che può passare sotto silenzio. I cittadini chiedono risposte anche perché, senza la possibilità di effettuare a Marlia le radiografie, l’utenza di zona è costretta a spostarsi verso la città di Lucca oppure a rivolgersi a strutture private, il che limita la possibilità di scelta del paziente. Compresi gli anziani ospiti della Rsa».

Ecco quindi che Marchetti domanda alla giunta toscana «quale sia il motivo della chiusura della sala radiografica da ormai diversi mesi» e «come e in che tempi ritengano di ripristinare la regolare attività di radiodiagnostica, tanto importante per la popolazione».

Share