Marchetti “ Confermo , è una vergogna il disavanzo Erp. Sichi non sa nemmeno chi riscuote gli affitti, si informi prima di sparare sentenze”

 

La vicenda, sicuramente clamorosa, del debito milionario di alcuni comuni nei confronti di Erp è lo specchio di una amministrazione, quella di sinistra, fatta di incapacità e disinformazione. Non trovo infatti altre parole per commentare i tentativi di replica da parte dell’assessore lucchese Sichi e del presidente dell’Erp Franceschini, comunque diverse nello stile e nella sostanza.

 

L’assessore comunale di Lucca Sichi si conferma prototipo di quella sinistra incapace di approfondire i problemi, non informata e che cerca di denigrare l’avversario sentendosi superiore. Proprio questi personaggi stanno creando grandi problemi ai cittadini, come nel caso degli alloggi popolari. Sichi che vorrebbe impartire una lezione a me, non sa nemmeno che a riscuotere gli affitti delle case popolari non è il comune, come lui crede, bensì l’Erp stesso, che a sua volta manda la rendicontazione all’ente municipale affinchè poi verifichi e , magari, si occupi di fare pagare chi non l’ha fatto. E’ grave che un assessore di un capoluogo creda che i soldi siano poi girati in automatico dal comune all’ente Erp. Quanto poi alla situazione attuale di Lucca, non ho potuto fare altro che riferirmi alla lettera inviata il 5 gennaio 2016 dalla stessa Erp, che a sua volta prende in considerazione l’ultimo bilancio approvato, quello del 2014. Se i dati di Lucca sono cambiati, mi fa piacere e aspetto che l’Erp ce lo comunichi, magari con il bilancio 2015.

 

Rassicuro inoltre  il presidente Erp Franceschini, per il quale nutro la stessa  simpatia e stima che lui ha scritto provare per me, sulle motivazioni della mia battaglia. Niente a che vedere con le consultazioni elettorali. Si tratta di uno scontro  di equità e giustizia nei confronti di chi paga regolarmente e di quegli enti, come  Altopascio, che curano le case popolari e si occupano di esse. Non è vero che noi abbiamo solo case popolari nuove, tutt’altro. Probabilmente ci sono enti che hanno trascurato questi aspetti, preferendo dirottare i loro soldi verso altre spese, che magari assicurano più consenso elettorale e chi, come Altopascio, ha cercato di gestire con serietà le case popolari. Qui è la differenza : chi parla e chi agisce. Franceschini ha un compito difficile, ma dovrebbe essere più severo con i comuni che dimostrano di non interessarsi al patrimonio Erp e, sopratutto, fare si che tutti paghino quanto devono, a costo di metterli in mora.  

 

Maurizio Marchetti, sindaco di Altopascio

 

Share