L’uovo sbattuto: il “ricostituente” di appena ieri.

A fine autunno, dopo la “muta”, le galline riprendono a produrre le uova e le nostre nonne e mamme, al mattino, prima di andare a scuola, ogni tanto ci preparavano l’uovo sbattuto: si prendeva il tuorlo di un uovo freschissimo e si montava con lo zucchero finchè diventava una crema gonfia, chiara…buonissima!
L’alternativa era succhiare l’uovo intero dai buchetti del guscio, ma non a tutti piaceva, per molti era quasi una tortura.

FONTE EZIO LUCCHESI

 

 

 

 

 

 

 

Share