E’ stato tratto in arresto, in flagranza differita S.E. di anni 39 residente a Lucca, Ultras schierato su posizioni vicine all’estrema destra, per il reato di rissa aggravata, in concorso con altre persone, in corso di identificazione, a seguito degli scontri tra tifosi avvenuti in questo centro l’11 marzo scorso, al termine della partita Lucchese-Reggiana.

Lo stesso ha partecipato attivamente ai tafferugli, come si evince inequivocabilmente dalle riprese effettuate dalle telecamere di video-sorveglianza della zona ove si sono verificati i fatti, debitamente acquisite, nelle quali lo si vede più volte affrontare gli avversari con pugni e con la cintura dei pantaloni. L’arrestato è stato già in passato destinatario di provvedimenti D.A.S.P.O., dunque già gravato da pregiudizi specifici per reati inerenti le manifestazioni sportive. Lo stesso è stato condotto presso la propria abitazioni in regime di detenzione domiciliare in attesa del processo per direttissima che sarà celebrato nella mattinata odierna.

N.B. Flagranza differita: inserita nel nostro ordinamento con la legge n. 88 del 24 aprile 2003. Nell’ambito delle misure dirette a garantire la sicurezza negli stadi, ha sancito che per i reati commessi in ambito di manifestazioni sportive quando non sia possibile procedere immediatamente all’arresto per ragioni di sicurezza, si considera comunque in stato di flagranza colui il quale, sulla base di documentazione videofotografica o di altri elementi dai quali emerga con evidenza il fatto, ne risulta autore, sempre che l’arresto sia compiuto non oltre il tempo necessario alla sua identificazione, comunque entro 48 ore dal fatto.

Share