Qualità dell’aria: per prevenire gli sforamenti delle PM10

L’amministrazione comunale ha emanato un’ordinanza per ridurre i rischi di sforamento giornaliero delle polveri sottili diffuse nell’atmosfera da attività umane, è infatti noto come in condizioni di scarso movimento degli strati più bassi dell’aria, nell’ambito della piana di Lucca, si creino condizioni favorevoli allo sforamento dei limiti di legge. Questa condizione, come rivelano le relazioni annuali Arpat, è aggravata dalla combustione di scarti vegetali all’aperto. Per questo nel territorio comunale di Lucca dal 1 novembre 2018 al 31 marzo 2019 sarà vietato bruciare all’aperto biomasse legnose derivanti da attività agricole, forestali, di cantiere, artigianali, di servizi, commerciali o produttive in genere, da pulizia di parchi, giardini ed aree agricole. Sono escluse dal divieto tutte le aree collinari poste a una quota superiore a 200 metri sul livello del mare.

 

Share