A Villa Mazzarosa  un’esposizione dedicata ai cervelli che hanno determinato una svolta nella storia
LUCCA UNDERGROUND FESTIVAL AL VIA. DOMANI (SABATO) INAUGURA LA MOSTRA “LONELY BRAINS” DI ELIO LUTRI

Con l’inaugurazione della mostra “Lonely Brains” di Elio Lutri, domani (sabato 29 settembre) alle ore 17.30 a Villa Mazzarosa a Segromigno in Monte si apre il Lucca Underground Festival. L’esposizione tratta dei cervelli che hanno determinato una svolta nella storia. “Cervelli che – come spiega lo stesso autore – sono rimasti solitari nella loro semplicità e che hanno fatto cose senza clamore e a cui solo il tempo ha reso giustizia. Cervelli di fantasia, irreali e non materici, che sono serviti solo a raccontare storie fantascientifiche altrettanto irreali e non materiche”. A loro è dedicata questa mostra: Albert Einstein, William Seward Burroughs, Simon Rodia ed altro ancora, il tutto in 10 pannelli polimaterici che occupano le prime due stanze. La terza sala, infine, è dedicata allo svago ed alla spensieratezza.

Gianmarco Caselli, ideatore e direttore del Lucca Underground Festival,  ha composto le musiche che accompagneranno i visitatori: William Burroughs per l’omonima opera di Lutri, Towers in towers per i tre pannelli dedicati a Rodia, e Insieme per Echi di eventi lontani. Le musiche sono state realizzate con l’elettronica, il pianoforte e suoni catturati appositamente dalla Fernsehturm di Berlino da Caselli stesso.

“Queste musiche – spiega Caselli – sono nate insieme alle opere di Lutri, con la stessa metodologia di ricerca. Abbiamo analizzato a quattro mani l’arte di Burroughs e di Rodia, e questo ha influenzato ciò che si vede e si sente alla mostra. Anche per questo, per un’idea di opera d’insieme, in alcuni brani si sentono suoni realizzati con gli oggetti utilizzati da Lutri nei propri pannelli”.

“Lutri – prosegue Caselli – è uno degli artisti più importanti del Festival con il quale collabora attivamente da anni e per il quale ha realizzato anche il fantascientifico logo. La limpida cristallinità con cui Lutri esprime determinati concetti rappresenta un unicum sul nostro territorio e non solo. Siamo orgogliosi che sia proprio una mostra di un artista per noi così importante a inaugurare il festival a distanza di dieci anni dall’inizio della storia di Underground. Per quanto il LUF sia infatti alla sua quarta edizione esso è la naturale continuazione della rassegna nata dieci anni fa, nel 2008, con il nome di Underground”.

La mostra sarà visitabile domenica 30 settembre, sabato 6 ottobre, domenica 7 ottobre, sabato 13 ottobre e domenica 14 ottobre dalla 10.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19. Ingresso libero.
“Lucca Underground Festival 2018” è promosso dall’Associazione V.A.G.A. (Visioni Atipiche Giovani Artisti) con il patrocinio e il contributo del Comune di Capannori, il contributo della Fondazione Cassa Risparmio di Lucca, Arci Lucca e Versilia e la collaborazione della Provincia di Lucca.

Elio  Lutri
Nasce, vive e lavora a Lucca. Ingegnere per formazione arriva all’arte solo con la serenità dell’età matura per un desiderio interiore da sempre vivo e mai confessato. Le sue opere informali e materiche prendono ispirazione dall’osservazione del mondo e dalla lettura della sua storia. Racconta di se stesso: “essendo per natura fatto di sogni e di curiosità, era inevitabile intraprendere anche questo nuovo cammino nella vita”. Ha esposto a Lucca, Pisa, Firenze, Venezia, Milano, Londra, Bruxelles. Tra le tante vittorie nei concorsi, si ricordano “InContemporanea 2015” e “A.O.S.P. 2016”. Innumerevoli le citazioni che lo riguardano sulle pubblicazioni del settore.

Share