lucca – Tariffa rifiuti, per la prima volta a luglio arrivano gli sconti sulla tariffa puntuale ai cittadini virtuosi

Aumento della raccolta differenziata, tariffa premiante per i cittadini che differenziano meglio nel “porta a porta”, valorizzazione e recupero dei materiali riciclabili. Di questo e di altro si parlerà nel convegno “Da rifiuti a materie, da problema a risorsa” in programma a Lucca sabato 18 febbraio.

Saranno applicati per la prima volta a luglio, in coincidenza con il secondo ciclo di fatturazione del 2017 da parte di Sistema Ambiente, gli sconti in tariffa ai cittadini “virtuosi” che nel 2016 hanno conferito minori quantità di rifiuti nel bidoncino grigio del non riciclabile. A diffondere i nuovi numeri sui rifiuti, a poche settimane dalla pubblicazione dei dati della Regione Toscana che hanno evidenziato il record ottenuto dal Comune di Lucca negli ultimi anni di capoluogo più “riciclone” della Toscana con ben il 77,27% di raccolta differenziata, è l’assessore all’ambiente del Comune di Lucca Francesco Raspiniunnamed (3)

 

“Ad esempio, per una famiglia che vive in un’abitazione di 130 metri quadrati -una superficie di medie dimensioni- lo sconto oscillerà tra un minimo del 3% per i nuclei familiari composti da una sola persona e un massimo del 7% per i nuclei più numerosi. Ne beneficeranno coloro che hanno ridotto la produzione di non riciclabile – spiega l’assessore -, con non più di 18 svuotamenti nel corso del 2016. Per l’anno 2017 il meccanismo sarà ancora più specifico: sulle fatture del 2018 vi sarà una parametrazione da 3 a 6 ritiri obbligatori e da 14 a 18 di soglia per godere degli sconti massimi, sempre a seconda della numerosità del nucleo familiare. In sintesi una famiglia di 3 componenti dovrà usufruire di almeno 3 ritiri del bidoncino grigio e non superare i 15 ritiri per avere una riduzione dello 0,44% della parte variabile della tariffa per ciascun svuotamento”.

 

“Questo – aggiunge Raspini – per scongiurare il rischio di premiare non i virtuosi, ma i furbetti, cioè coloro che hanno smaltito in modo illecito i rifiuti. Chi avrà più riciclato, avrà maggiori risparmi. Il secondo dato importante che emerge dai numeri di Sistema Ambiente è l’efficacia del contrasto all’evasione: nel 2017 l’azienda recupererà quasi 500.000 euro di evasione relativa anche agli anni scorsi. Il terzo dato è il notevole risparmio di costi di conferimento in discarica che l’aumento della raccolta differenziata ha generato e che ha permesso di aumentare la forza lavoro di Sistema Ambiente necessaria alla copertura totale del porta a porta: dal 2012 la forza lavoro di Sistema Ambiente è passata da 167 a 213 persone, senza considerare le 25 persone che lavorano per le cooperative

che si occupano di parte della raccolta”.

Raspini ricorda anche i risultati raggiunti nel centro storico, zona da sempre problematica per lo smaltimento dei rifiuti. 

“Abbiamo portato da 4 a 10 le isole a scomparsa del centro storico con il risultato record del mese di dicembre 2016 del 76% di raccolta differenziata dentro le mura”. “Infine -aggiunge Raspini- un ultimo dato, non meno importante, relativo alle maggiori agevolazioni ai cittadini che ammontano a ben due milioni di euro”.

 

Le agevolazioni riguardano in particolare i possessori di composter, i contributi sociali, i conferimenti alla stazione ecologica e la possibilità data di sospendere le utenze sia domestiche sia commerciali temporaneamente non attive. 

 

“Le cifre sono importanti – aggiunge Raspini -: nel 2017 Sistema Ambiente stima di risparmiare più un milione di euro di costi di conferimento in discarica, che serviranno a finanziare i maggiori oneri di smaltimento della frazione organica e i più alti costi di personale per il porta a porta. Premialità per i cittadini virtuosi, meno costi di discarica, più personale e quindi più lavoro e minori impatti ambientali: questa la filosofia che sta permettendo di avere a Lucca dei risultati mai visti prima”.

 

Proprio per ridurre l’impatto dei costi di conferimento a compostaggio della frazione organica -che incidono per quasi la metà dei costi totali di smaltimento della differenziata- il Comune di Lucca, Sistema Ambiente e Geal stanno lavorando ad un progetto di valorizzazione della frazione organica nell’impianto di Pontetetto, per trasformare l’organico in gas metano. Un progetto di cui si parlerà sabato 18 febbraio nel convegno “Da rifiuti a materie, da problema a risorsa” nell’Auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca alle 9.30. 

 

“Aumentare la raccolta differenziata e premiare i virtuosi è importante, ma non basta -aggiunge Raspini -. Il lavoro fatto sulla tariffa, per renderla più “democratica” e far pagare meno chi ricicla di più, è stato fondamentale, ma gli sforzi si concentrano anche sulla valorizzazione e il recupero della frazione organica e degli altri materiali riciclabili”.

 

Al convegno parteciperanno il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, l’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni, il presidente della Provincia di Lucca Luca Menesini, il presidente di Legambiente Toscana Fasto Ferruzza, il direttore del Consiglio di Bacino Priula, il cui territorio trevigiano detiene il record nazionale di raccolta differenziata, Paolo Contò, il consigliere regionale, presidente della IV Commissione, Stefano Baccelli e la parlamentare e membro della Commissione Ambiente della Camera Raffaella Mariani. Al centro del convegno la tavola rotonda fra i rappresentanti delle aziende di igiene urbana Sistema Ambiente, Ascit, Ersu, Sea Ambiente e Gea.

Share