Sostegno per l’Inclusione Attiva

La nuova misura contro la povertà

Il sostegno per l’inclusione attiva è un progetto che i Comuni realizzano a partire da una volontà governativa; il Parlamento, infatti, alcune settimane fa ha dato il via libera a questa iniziativa, stanziando finanziamenti ad hoc.
Il progetto di inclusione attiva riguarderà un numero limitato di famiglie che risponderanno a determinati criteri selettivi e darà un sostegno concreto alle situazioni di povertà maggiore.

Nel dettaglio, il Sia prevede un beneficio economico di 80 euro mensili a persona, fino a un massimo di 400 euro a famiglia.
Accanto al contributo economico, gli operatori dei servizi sociali degli enti locali affiancheranno le persone che hanno diritto a questo tipo di sostegno con un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa. Questo beneficio economico potrà essere speso solo per i bisogni di prima necessità, infatti la carta Sia è utilizzabile negli alimentari, nei supermercati, nelle farmacie, agli uffici postali per pagamento utenze.

Di cosa si tratta

  • un beneficio economico pari a 80 € mensili a persona, fino a max € 400 a famiglia
  • un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa

Requisiti

  • Cittadinanza o permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo;
  • Residenza in Italia da almeno 2 anni;
  • Requisiti economici: ISEE inferiore a 3.000 € e benefici economici inferiori, o uguali, a 600 € mensili;
  • Requisiti familiari: presenza nel nucleo di figli minori o disabili o donna in gravidanza, dal quinto mese,
  • accertata con certificazione del medico pubblico specialistico;
  • Valutazione del bisogno – da parte di INPS: il punteggio inerente il carico familiare e la situazione
  • economico-lavorativa deve raggiungere o superare i 45 punti

Tempi

  • Presentazione domande: a partire dal 2 settembre 2016
  • Erogazione beneficio economico da parte di INPS: entro 60 gg dalla presentazione della domanda il beneficiario riceverà da Poste Italiane la carta Sia che sarà caricata di 80 euro mensili a persona fino a un massimo di 400 euro per nucleo
  • Attivazione progetto personalizzato equipe multidisciplinare che prenderà in carico il progetto: entro 60 gg dall’erogazione del beneficio economico (90 gg per le domande presentate fino al 31.10.16)

Dove ritirare la domanda

  • presso il Segretariato Sociale in Via Santa Maria Corteorlandini, nr. 6
  • presso l’URP in Via del Moro, 17
  • presso i Distretti Sociali territoriali
  • scaricando il modello sottoriportato:

Dove presentare la domanda

Il cittadino che vuole accedere al progetto a partire dal 2 settembre 2016 deve inoltrare, per il Comune di Lucca, la domanda al Protocollo generale in Via S. Maria Corteorlandini nr. 3 – Lucca 55100, con i seguenti orari:

  • lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle 9 alle 12, martedì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 17

E’ possibile inoltrare la domanda per PEC: comune.lucca@postacert.toscana.it, e a mezzo raccomandata A/R Comune di Lucca – Via S. Maria Corte Orlandini nr. 3 – Lucca 55100

Dove rivolgersi per le informazioni

Il cittadino potrà avere informazioni sul progetto presso il Segretariato Sociale in Via S. Maria Corteorlandini, 6.
Il Servizio sarà svolto su appuntamento, per l’accesso è necessario telefonare al nr. 0583.442554, su tale numero è attiva una segreteria telefonica a cui poter lasciare un messaggio per essere richiamati.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare anche:
segretariatosociale@comune.lucca.it
sostegnoinclusioneattiva@comune.lucca.it


Riferimenti normativi

Share