LUCCA – Luminarie, eventi, nuovi modelli da esportare: il Sindaco ringrazia la città

 

Lucca piena di luci, di calore e di voglia di stare insieme: ecco come appare il nostro territorio in questi giorni di festa ed è facile riscontrare questa atmosfera passeggiando per il centro o nei paesi, con gli alberi illuminati, le vetrine addobbate, le luminarie che quest’anno esprimono ancora di più e ancora meglio lo spirito natalizio. Venite a Lucca, girate per il territorio, in centro storico, nei quartieri e nei paesi: il colpo d’occhio non vi lascerà indifferenti, la qualità del nostro commercio vi sorprenderà ancora una volta.

E per questo mi sento di ringraziare anche i commercianti, che si sono uniti per raggiungere un risultato comune, le associazioni e le realtà del nostro territorio che non fanno mai mancare la loro presenza, riuscendo anche quest’anno a offrire tante iniziative diverse, i cittadini e i visitatori, moltissimi anche per queste feste: questo continuo movimento di persone rende Lucca ancora più bella, più interessante e più vivace di quello che è già ogni giorno.

Ho avuto modo di fermarmi nei negozi di artigianato artistico di Chiasso Barletti, toccare con mano quello che posso definire un esperimento riuscito, “Chiasso di Natale”, raggiunto grazie alla determinazione della titolare dell’agenzia immobiliare, dei proprietari dei fondi e dei commercianti: una parte simbolica del centro storico che rivive grazie all’intuizione e al lavoro di squadra tra amministrazione comunale, singoli cittadini e negozianti.

Questo è un progetto che vorremmo esportare anche in altre zone della città, perché è un modello che funziona, in grado di attirare nuove attività, soprattutto quelle artigianali, dare una risposta concreta al caro-affitti, mantenere e valorizzare gli aspetti più autentici della nostra storia e del nostro territorio.

Risultati importanti, ottenuti grazie al contributo di tutti, soprattutto a quello dei commercianti, e questo è motivo di soddisfazione. Soltanto insieme riusciamo a fare le cose migliori: la collaborazione è il segno di un’armonia che la città piano piano prende nelle sue componenti principali, l’unica strada possibile per pensare e realizzare il meglio per ognuno di noi.

Share