LUCCA – LA VIOLENZA SULLLE DONNE

 

 

 

 

 

Dal 2000 ad oggi le donne uccise in Italia sono state 3100 di queste 3 su 4 hanno perso la vita per mano di un parente, un marito o fidanzato. Un vero bollettino di guerra.

Per la risoluzione di questo problema molto viene fatto quotidianamente dal Volontariato sociale, come i Centri Antiviolenza, ma ovviamente occorrono delle Leggi appropriate e la collaborazione di ogni cittadino.

Venerdì pomeriggio a Lucca dalle ore 17,30 presso la Casa del Boia si terrà il dibattito informativo organizzato dal M5S, ma aperto a tutte le forze in campo sulla legge “Codice Rosso” contro la violenza sulle donne e i deboli.

Purtroppo la violenza sulle donne e i deboli rappresenta una vera piaga sociale che tocca anche la nostra provincia, e l’approdo al decreto “Codice Rosso” è una necessità perché quando parliamo di violenza sulle donne parliamo di una vera emergenza sociale.

Le relatrici principali in rappresentanza dell’Associazionismo sociale indipendente saranno per il Centro Antiviolenza LUNA la presidente Daniela Elena Caselli e l’Avv. Valeria Rielli. Per il Movimento 5 Stelle partecipa una rosa di nomi importanti tra cui gli On. Stefania Ascari e Luca Migliorino e l’ex Sindaco di Livorno Filippo Nogarin oggi candidato al Parlamento europeo.

Incontri di questo tipo devono organizzarsi perché la legge divenga sempre più completa e tuteli la donna da ogni tipo di violenza sia psicologica che fisica.

L’impianto base della legge nasce dai ministri Bonafede e Bongiorno, poi ampliato e migliorato dalla relatrice deputata Ascari con ben 26 articoli.

Oltre all’inasprimento delle pene fino a 24 anni per chi commette violenze, ora si parla di immediata denuncia dove il Pm entro 3 giorni dovrà sentire ed adottare subito misure di protezione nei confronti della vittima. 

Così come la legge che prevede tanti altri punti condivisi da tutto il parlamento, anche le azioni come questa del dibattito vanno sostenute ed incrementate perché questa non è una battaglia di un solo partito politico ma di tutti. Buon Primo Maggio.

 

Per il Movimento 5 Stelle

Massimo Bertolucci

 

Share