Lucca: grande partecipazione al convegno sul paziente disfagico organizzato dalla struttura di Otorinolaringoiatria di Lucca
Lucca, 13 ottobre 2018 –  Grande partecipazione al convegno “Il paziente disfagico: disturbi e trattamento dei disturbi della deglutizione” che si è svolto oggi (sabato 13 ottobre) nel complesso di San Micheletto a Lucca con l’organizzazione dell’Azienda USL Toscana nord ovest ed in particolare della struttura di Otorinolaringoiatria di Lucca, con il contributo dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Lucca.

Le tre sessioni della giornata di studio hanno visto la partecipazione – come relatori e moderatori –  di professionisti di primo piano, della sanità lucchese ma anche regionale e nazionale.

Dopo i saluti delle autorità, sono intervenuti i due responsabili scientifici dell’evento: il direttore dell’Otorinolaringoiatria di Lucca e referente di area organizzativa per il Dipartimento delle Specialità Chirurgiche all’ospedale “San Luca” Riccardo Mario Piane e la foniatra degli ospedali “San Luca” e “Versilia” Roberta Vannucchi.

“La gestione della disfagia – evidenzia il dottor Piane – è complessa e richiede la presenza di un’ampia rete di professionisti della sanità, impegnati a garantire la diagnosi, la cura e la riabilitazione, oltre a strutture ed attrezzature dedicate. Un’adeguata presa in carico dei pazienti riduce il rischio di complicanze ed è fondamentale la continuità tra le terapie mediche e chirurgiche utilizzate per risolvere o ridurre il deficit deglutitorio e le successive fasi come la riabilitazione logopedica. Come sempre, anche in questo ambito, sono inoltre determinanti la prevenzione ed una diagnosi precoce”.

L’evento ha permesso di affrontare tematiche di grande rilevanza legate al paziente disfagico, tra le quali: le patologie a rischio di complicanze disfagiche, le disfagie esofagee, la deglutizione nell’anziano (il sottile limite tra fisiologico invecchiamento e patologia), la diagnostica clinica e strumentale, la valutazione nutrizionale, il ruolo dei logopedisti e degli infermieri, il trattamento riabilitativo.

(sdg)

Share