LUCCA – ARRESTO DI UN ITALIANO. DETENEVA DUE CHILI E MEZZO DI MARJUANA E QUASI TRE ETTI DI HASHISH

Ieri pomeriggio, gli investigatori della Polizia di Stato di Lucca hanno arrestato un italiano di ventotto anni, residente a San Vito.
Il ragazzo deteneva, nella cantina della propria abitazione, 2 chili e mezzo di marijuana e, in casa, quasi 3 etti di hashish.

Privo di precedenti penali di Polizia, sembra che il ragazzo, in mancanza di una stabile attività lavorativa, avesse tentato il commercio dello stupefacente per averne un guadagno.

Agli operatori che hanno perquisito l’abitazione, dove vive insieme alla sorella e alla madre, il giovane ha immediatamente consegnato i due etti di hashish, detenuti in casa.
Alla richiesta se avesse altri locali a disposizione oltre l’abitazione, l’uomo ha condotto gli operatori della Squadra Mobile nella cantina del condominio, comune agli altri condomini, omettendo volutamente di indicare la cantina ad uso esclusivo dell’abitazione, dove sono stati invece rinvenuti i due sacchi contenenti marjuana.

Il ragazzo è stato trovato nella disponibilità di quasi due mila euro in contanti, in banconote di piccolo taglio, provento certo dello spaccio e, pertanto, sottoposti a sequestro.

Gli investigatori sono arrivati al giovane spacciatore a seguito di numerosi servizi di osservazione condotti in via Giorgini, nel popoloso quartiere San Vito, presso il c.d. “sgambatoio per cani”, ove era stato visto spacciare in più occasioni.

Oggi, a seguito del giudizio per direttissima, il ragazzo è stato condannato alla pena di due anni; trattandosi di un incensurato, l’esecuzione della pena sarà sospesa.

Share