lucca – Agevolazioni per il pagamento della tassa dei rifiuti e del riscaldamento:

le famiglie possono fare domanda dal 24 giugno fino al 30 giugno

Il contributo riguarda i nuclei monoreddito e le famiglie numerose. Chi ha già fatto domanda non deve ripresentarla. L’assessore Giglioli: “Ulteriore supporto per la fascia più fragile della popolazione”.

Dal 24 giugno si riaprono i termini per la presentazione delle domande per le agevolazioni tariffarie, sospese il 12 marzo scorso a causa dell’emergenza Covid-19. I contributi riguardano la tassa sui rifiuti, il gas e altre forme di riscaldamento, il tutto relativo all’anno 2019.

Possono richiedere le agevolazioni i nuclei familiari con redditi da pensione o con redditi da lavoro dipendente e i nuclei familiari numerosi (composti da almeno 5 persone). I modelli per la presentazione delle domande possono essere scaricate dal sito del Comune.

“Riapriamo i termini per consentire ai cittadini che a causa del lockdown non lo hanno ancora fatto – spiega l’assessora alle politiche sociali Valeria Giglioli – di richiedere il contributo per il pagamento della tassa sui rifiuti e sul riscaldamento domestico. Per quanti invece hanno già presentato la loro richiesta, in tutto circa 900 famiglie, non sarà necessario fare alcunché, perché le loro pratiche saranno istruite dall’ufficio. Questo è un ulteriore supporto – aggiunge Giglioli – per i nuclei familiari economicamente più fragili e che sono stati più colpiti dall’emergenza legata al Coronavirus. Proprio per queste famiglie più disagiate, l’amministrazione comunale sta lavorando per esperire ulteriori forme di supporto, in modo da poter sostenere la loro ripartenza”.

Gli interessati alla richiesta delle agevolazioni tariffarie avranno tempo fino al 30 giugno per fare domanda tramite Pec a comune.lucca@postacert.toscana.it, oppure all’ufficio Protocollo: protocollo@comune.lucca.it. Si ricorda che le domande pervenute dopo il 30 giugno, quelle che risulteranno incomplete o prive degli allegati necessari, saranno respinte.

Informazioni più dettagliate possono essere chieste direttamente all’Ufficio relazioni con il pubblico di via del Moro.

Share