Lucca 2032:” Mai più una nuova ‘Piazza Coperta’”

 

L’esempio della Piazza Coperta di San Concordio, a ragion veduta definita eco-mostro, è
simbolo di tutto ciò che non dovrebbe rappresentare, progettare e realizzare
un’amministrazione virtuosa.
Un puro scempio paesaggistico, sintesi perfetta della distanza tra l’amministrazione uscente e
i cittadini. La mancanza totale di ascolto, di vicinanza alla realtà, di percezione del quotidiano
sono le evidenti cause di macroscopici danni che trovano nella Piazza Coperta il più triste e
lampante esempio.
Un investimento decisamente ingente, realizzato con soldi pubblici, che non porta alcun
beneficio alla popolazione, osteggiato dai residenti e senza una precisa destinazione. Le
migliaia di firme raccolte contro il progetto sono state totalmente ignorate dall’amministrazione
uscente e dell’assessore Raspini, ora candidato sindaco, che ha evidentemente perso il
collegamento con i cittadini, che eppure avevano espresso con chiarezza la loro opinione.
E se non bastasse il malcontento, se non bastasse il devastante impatto ambientale ed
estetico, ci troviamo di fronte ad una totale mancanza di progettualità e visione, con la Piazza
Coperta che ancora non ha una destinazione ufficiale, una finalità. Un contenitore senza
contenuto. Come spesso è accaduto negli ultimi anni.
Ci ritroviamo quindi un eco-mostro di dimensioni spropositate, nel bel mezzo di uno dei
quartieri più popolosi e nevralgici del nostro Comune.
Questo è tutto ciò che non vogliamo. Questo è tutto ciò da cui occorre prendere le distanze,
senza appello. Questo è tutto ciò che non dovrà più ripetersi.
Lucca non merita più un’amministrazione carente di lungimiranza e visione.
Mai più e mai poi una nuova ‘Piazza Coperta’.

Share