L’Opera delle Mura di Lucca, in virtù del proprio compito istituzionale di valorizzazione delle Mura Urbane e dell’Orto Botanico, ha ufficializzato nel cda di questo pomeriggio (19 novembre) la collaborazione con due storiche associazioni culturali lucchesi: Ciscu – Centro internazionale per lo studio delle cerchie urbane e A.di.p.a. Associazione per la diffusione delle piante fra amatori.

Ciscu e Adipa sono riconosciuti da oggi come consulenti particolari dell’Opera delle Mura di Lucca per attività e programmi culturali speciali inerenti la conoscenza e la divulgazione relative alle rispettive specializzazioni: la cinta muraria urbana e l’Orto Botanico di Lucca.

Le collaborazioni verranno perfezionate tramite la sottoscrizione di convenzioni che stabiliranno in modo più preciso i reciproci impegni. L’Opera delle Mura di Lucca intende così valorizzare la lunga esperienza culturale dei due soggetti coinvolti a favore dei cittadini e metterà a disposizione per le attività i locali della Porta San Donato vecchia in piazzale Verdi.

«Siamo molto soddisfatti di questa decisione – dichiara il presidente dell’Opera delle Mura Alessandro Biancalana – in questo modo avviamo per la prima volta una collaborazione coordinata con due associazioni importanti che sono state un modello e un esempio conosciuto e apprezzato in Italia e all’estero. Questa collaborazione nasce anche grazie alla presenza di progetti di studi e di sviluppo di portata quadriennale».

Il CISCU – Centro Internazionale per lo Studio delle Cerchia Urbane nato nel 1967 per volontà di Giovanni Martinelli, sindaco di Lucca, è uno dei più antichi centri di studio europei dedicati alle fortificazioni delle cinte murarie e dell’urbanistica militare. Ha avuto un ruolo centrale per la riscoperta e valorizzazione delle mura di Lucca, organizzando mostre, convegni, attività didattiche di respiro internazionale, pubblicando una importante collana di pubblicazioni in tema.tobino-20-lucca-2013-06-25

L’A.Di.P.A. Associazione per la diffusione delle piante fra gli amatori – fondata nel 1987, promuove lo studio, la divulgazione della conoscenza, la conservazione e la diffusione non commerciale di piante insolite di tutti i tipi. I soci sono distribuiti in tutta Italia in 10 sezioni regionali o territoriali; compila annualmente un proprio Index Seminum (lista semi con descrizioni delle specie) e diffonde gratuitamente i semi ai soci. Pubblica inoltre una rivista periodica  e organizza mostre-scambio di piante, mostre didattiche, conferenze, viaggi botanici, offrendo ai propri soci consulenza su botanica e coltivazione.

Share