Lo dico chiaro: No alla didattica a distanza per i nostri figli come strumento per contrastare il caro bollette.
Credo che invece abbia senso introdurre in tutte le scuole l’orario corto, ovvero le lezioni si tengono dal lunedì al venerdì.
Il sabato è libero.
E lo dico perché credo che questa sia la direzione da prendere nelle scuole, indipendentemente dai costi dell’energia.
Lo dico perché utile per dare spazio alle famiglie, dare modo ai genitori lavoratori di avere più tempo per stare con i figli e fare qualcosa insieme.
L’orario corto è già applicato nei Paesi europei proprio per dare valore al tempo libero e allo stare insieme in famiglia.
È sulla visione di società che vogliamo e sul valore che diamo alle persone che si deve fondare l’agire di un amministratore locale e nazionale.
E non va fatto toccando i ragazzi e le ragazze che già hanno pagato la pandemia Covid perché non si è stati in grado di programmare per tempo.
Che l’inverno sarebbe stato pesante, chi sta a Roma lo sa da mesi e mesi. È conseguenza anche di una pace mancata, che forse non si è cercata con la convinzione che meritava.
È necessario e urgente un piano del Governo per l’inverno, ma non può essere fatto sulla pelle dei più giovani e degli Enti Locali.

Lo dico ora, e mi sa che toccherà ripeterlo fra qualche settimana.
Sono pronto.
LUCA MENESINI

Share