Il caso Sterling ha provocato grande preoccupazione: i nazionali chiedono alle famiglie di rafforzare la sicurezza

La rapina o il furto, visto chela casa era vuota, in casa del giocatore Sterling rischia di scatenare una psicosi collettiva nella nazionale di Southgate, rimasta scioccata dopo la vicenda dell’attaccante del Chelsea. Infatti, approfittando della trasferta in Qatar, i soliti professionisti sono penetrati nell’abitazione del nazionale inglesi, trafugando soprattutto una collezioni di orologi per oltre 300mila stereline.

E nella squadra dei Tre Leoni, secondo quanto filtra da Oltremanica, pare scoppiato il panico dopo questa disavventura capitata al compagno, che è tornato subito a casa in seguito alla violenta irruzione di ladri armati nella sua villa.

L’Inghilterra ha vinto contro il Senegal e conquistato i quarti di finale al Mondiale, ma non ha dimenticato l’episodio: ecco quindi che Kane e compagni avrebbero immediatamente contattato le proprie famiglie per rafforzare la sicurezza in casa. Uno scossone, quello vissuto da Sterling, che può anche avere ripercussioni pesanti: è infatti diventata una routine triste quella dei furti commessi nelle ville dei giocatori impegnati a giocare.

Ma stavolta, la paura è stata maggiore perché in un primo momento si era diffusa la voce che nella villa al momento dell’irruzione fossero presenti in casa, la compagna di Sterling e le tre figlie piccole. Si era parlato anche di minacciata violenza. Poi tutto è stato smentito e pare che nella villa non ci fosse nessuno. Ma tutto questo, inevitabilmente, ha spaventato tutta la nazionale.

d.v.

Share