LEGA, ALFREDA DEL CARLO: ALCUNE TIPOLOGIE DI COMPONENTI DELLE FATTURE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SONO ILLEGITTIME. VALUTIAMO RICORSI CON CITTADINI ED IMPRESE.

La Sezione della Lega di Viareggio, per mezzo di Alfreda Del Carlo incaricata dal Commissario Comunale Maria Domenica Pacchini, ha approfondito il tema dei costi in bolletta di Gaia che in questi giorni stanno tormentando tante famiglie, già largamente appesantite nel loro bilancio familiare dalla crisi economica che ha tagliato posti di lavoro e comunque fortemente ridotto le opportunità di guadagno di tante categorie economiche.
Ne sono emersi alcuni dettagli particolarmente interessanti che necessitano della più ampia diffusione affinché il singolo contribuente sia messo in grado di tutelare al meglio i propri diritti ed i propri interessi ed, anzi, di opportune iniziative che il nostro partito, vicino alla persone da sempre, intende assumere e favorire.
In particolare è emerso che le c.d. “partite pregresse” sono recuperi tariffari riconosciuti al gestore dall’Autorità Idrica Toscana, seguendo le direttive dall’Autorità nazionale che, con una delibera del 2013 ha dato la possibilità ai vari gestori di addebitare retroattivamente, a partire dall’anno 2006, dette partite spalmate anche per gli anni successivi e fino al 2022.
Dal 2014 sono quindi comparse in bolletta le voci “partite pregresse”, addebiti da pagare per i periodi precedenti a copertura di costi a vario titolo sostenuti dal gestore.
Ebbene, la Corte di Cassazione ha recentemente statuito l’illegittimità di tale conguaglio in quanto sostanziale rimodulazione tariffaria con effetti retroattivi non ammessi da nessuna norma nè di settore nè contrattuale.
Più in particolare la Suprema Corte ha affermato che “attesa la natura di atto amministrativo della delibera dell’Autorità, questa non può porsi in contrasto con il principio di irretroattività previsto dalla legge; ne consegue che le “partite pregresse” non solo non possono essere richieste agli utenti ma illegittimi sono anche i pagamenti effettuati a tale titolo dal 2014 ad oggi con conseguente diritto a richiedere la restituzione al gestore di quanto percepito indebitamente.”
Alla luce di quanto sopra evidenziato, è intenzione della Sezione della Lega di Viareggio dar luogo ad un incontro con tutti i cittadini ma anche con le categorie economiche che ne fossero interessate, a cominciare dai nostri iscritti e simpatizzanti, per valutare ogni possibile iniziativa, anche giudiziaria, che eviti ogni pregiudizio ai danni del contribuente.
L’organizzazione di tali incombenti è affidata alla stessa Alfreda Del Carlo che è contattabile mediante i consueti canali social oppure attraverso i nostri Consiglieri Comunali di Viareggio.
SEZIONE LEGA VIAREGGIO

Share