le Tradizioni del Venerdì Santo.

 

Il Venerdì Santo precede la domenica di Pasqua e la resurrezione di Gesù.
È una delle giornate più importanti e solenni per il Cristianesimo poiché si commemorano la Passione e la Crocifissione di Cristo.

Nel rito romano il giorno del Venerdì Santo le campane delle chiese non suonano e non si celebra l’Eucarestia in segno di lutto. In quello ambrosiano, celebrato a Milano, le campane suonano sino all’annuncio della morte di Cristo alle 15.00 di pomeriggio.

 

 

 

 

 

 


Durante la giornata, in molte parti d’Italia e del mondo cattolico, cortei di processioni e Via Crucis animano le strade delle città.


Una tradizione che ha origini molto antiche è legata all’usanza di alcuni strumenti come la “gnacra”, la battola, le “troccole”: nei giorni in cui le campane erano legate, servivano a scandire le ore dell’inizio delle messe . Erano di legno duro, squadrato, con un’impugnatura e dei batacchi di metallo che rimbalzando sul legno producevano un suono forte e ritmico che nel silenzio dei borghi e della campagna di una volta si sentiva da lontano, chiamando i fedeli alle funzioni.

 

la campagna appena ieri

Share