Le spigolatrici:

 

” Non è profitto spigolare, e non è danno ospitare.” recita il proverbio.

A mano a mano che i ” cavajèun ” vengono caricati sui carri, le spigolatrici possono entrare nei campi mietuti: per tradizione, per antica consuetudine, nessuno poteva o voleva impedire che iniziassero la loro dura ricerca delle spighe rimaste sul terreno, tra le stoppie.

Spesso le spigolatrici erano mogli di braccianti, di “Casanti”, povera gente che non aveva terra, e poter spigolare per rimediare un po’ di grano era un grande aiuto per la famiglia.

 

 

 

 

 

 

 

Share