Le scuole di Forte dei Marmi sempre più sicure: l’Amministrazione Comunale ha iniziato l’installazione dei dispositivi di purificazione/sanificazione dell’aria nei plessi scolastici. Già in funzione quelli nei Nidi comunali.

👉Il Consigliere delegato alla Pubblica Istruzione Alberto Mattugini lo aveva annunciato al suono della prima campanella del nuovo anno scolastico: l’acquisto di 50 purificatori d’aria in grado di creare abbattimenti significativi di virus, batteri, muffe, allergeni, da installare nelle aule di tutti i plessi scolastici. Nei giorni scorsi si è provveduto all’installazione già nei nidi comunali e il consigliere Mattugini ha consegnato personalmente i dispositivi alla dirigente dell’Istituto Comprensivo per la fornitura alle scuole medie Ugo Guidi. Nei prossimi giorni è previsto il completamento dell’installazione in ogni edificio scolastico.

“Il Covid – spiega Mattugini – ha sicuramente intensificato la nostra attenzione, già molto alta, per ogni singolo elemento che possa incidere positivamente sul benessere del mondo scuola. Quando dunque si è presentata la possibilità di aggiungere ulteriormente degli strumenti in grado di garantire un ambiente ancora più sano per i nostri bambini e ragazzi, abbiamo accolto l’opportunità con entusiasmo. Ogni aula sarà dotata di questi dispositivi che hanno al loro interno quattro tecnologie diverse (Uv-C cC, Fotocalisi, Ionizzazione e filtro Elettro-Fotostatico) che operano in sinergia per garantire al massimo dell’efficacia nelle purificazioni dell’aria.”
“La priorità di questa Amministrazione Comunale è da sempre la sicurezza per i nostri ragazzi e per coloro che lavorano nelle scuole – conclude Mattugini – E proprio per questo cerchiamo e cercheremo sempre di mettere in atto ogni strumento per tutelare tutti i soggetti impegnati nelle attività didattiche, i dispositivi infatti sono stati valutati dal responsabile della sicurezza dell’Istituto Comprensivo. Voglio inoltre ringraziare l’Ufficio Scuola per l’attenzione che riserva sempre alla sicurezza dei bambini.”

Share