LE ROVELLINE DELLA MI NONNA

Se le fai come ti dico io ti ce ne vole un quintale da tanto che èn bone.
Intanto la mi nonna colla grattugia grattava il pane secco, quello che useresti per fà il pancotto o la pappa al pomodoro o la nsuppa, te usa pure il frullin che torna comodo.
Allòra nel frullin ci metti, ir pan di un par di giorni, cacio parmigiano o peorino secco, mezso spicchio d’aglio, varche punta di tremarin e unti scordà di mettici anco un popò di sale e di pepe, poi lo fai indà finche un ti vien ir pangrattato ma con un profumin che ti vien da sbavà.

Ora ti ci vol la ciccia, che sii di manzo, di pollo o che sii arista pogo importa, quel che importa è che tu facci i pezzi o le rovelline non troppo grosse perché è ganzo bao mangianne tante !!!
Ora passele nell’ovo sbattuto, pò nel pangrattato e pigele ben che s’attacchi ammodo, pò le ripassi ancòra nell’ovo e pò nel pangrattato e le ripigi, òra èn pronte per’indà nell’olio della padella bello fumante.
Fallo, pò mi ridici se la mi nonna cucinava ben.
fonte ezio lucchesi

Share