C

irca 3.400 cittadini lucchesi si stanno coinvolgendo in un’innovativa iniziativa rivolta ai neo cinquantenni presenti sul nostro territorio. E’ partito infatti martedì 15 settembre 2015 il programma “CARDIO 50”, portato avanti dall’Azienda USL 2 di Lucca dopo la sua adesione allo screening nazionale per il rischio cardiovascolare. Il programma di prevenzione, realizzato con il supporto finanziario del Ministero della Salute –Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (CCM)e coordinato dalla Regione Veneto, vede la presenza di 11 Regioni italiane e per la Toscana partecipano soltanto due Aziende sanitarie: l’Azienda USL 2 di Lucca e l’Azienda USL 4 di Prato.
Ogni anno in Europa le malattie cardio-vascolari determinano la morte di 4 milioni di persone e rappresentano la principale causa di morte nei soggetti con un’età inferiore ai 65 anni nella maggior parte dei Paesi Europei. Solo in Italia, secondo i dati ISTAT, il numero dei decessi risulta annualmente pari a quasi 600.000 casi all’anno. L’analisi della mortalità per cause conferma che le malattie del sistema circolatorio sono la prima causa di morte con 225.000 decessi (38,2%), seguite dai tumori con 76.000 decessi (25,2%). A fronte del peso di questi dati epidemiologici si riscontra nella popolazione una bassa percezione del rischio di malattia cardiovascolare e una scarsa informazione sui fattori predisponenti. Eppure, mai come oggi l’attenzione andrebbe spostata dalla cura alla prevenzione dei fenomeni dal momento in cui tutti i dati scientifici a nostra disposizione concordano sull’effetto positivo del miglioramento degli stili di vita sull’incidenza delle malattie cardiovascolari. Per questo motivo, da parte della sanità italiana si è avvertita la necessità di organizzare programmi di screening e interventi di prevenzione cardiovascolare in forma attiva. Il Progetto “CARDIO 50” è promosso dal Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda USL 2, in stretta collaborazione con la struttura di Epidemiologia (che si occupa anche della spedizione degli inviti ai cittadini) e con i Medici di Medicina Generale. Queste attività, inoltre, sono possibili se, di base, sul territorio, esiste una forte cultura cardiologica dedicata e fatta da professionisti della salute del cuore al servizio del cittadino. La Cardiologia dell’Azienda USL 2, che lavora molto anche sulla prevenzione, presenta dati assistenziali di grande rilevanza: oltre 40.000 prestazioni ambulatoriali ogni anno, con il minor numero di ricoveri per scompenso cardiaco e con la migliore assistenza in campo nazionale per l’infarto acuto grazie al buon funzionamento di una ottima rete del territorio con la Cardiologia di Lucca che ogni anno si fa carico di 800 ricoveri in urgenza per sindromi coronariche acute, 200 delle quali trattate in emergenza. Il programma di screening è rivolto a maschi e femmine nati nel 1964, in buona salute, residenti nel nostro territorio, e propone, accanto all’analisi del rischio cardiovascolare, una valutazione degli stili di vita e dei valori glicemici, colesterolemici e pressori, per indirizzare soggetti selezionati a percorsi di prevenzione e diagnostico-terapeutici appropriati. Gli obiettivi sono essenzialmente due: contrastare l’insorgenza delle malattie cardio-vascolari attraverso il cambiamento degli stili di vita; identificare e, se necessario, trattare i soggetti ipertesi, iperglicemici e ipercolesterolemici, che non essendo sintomatici non sono ancora in carico al medico curante. Il progetto riguarda quindi i cinquantenni, una fascia di età che da precedenti esperienze risulta essere per il 70% bisognosa di interventi preventivi. Questa età rappresenta tra l’altro un momento particolare della vita, in cui si riscontra maggior sensibilità e disponibilità al cambiamento, se opportunamente motivato. Le persone nate nel 1964 e residenti nel territorio dell’Azienda USL 2, a partire dal 15 settembre stanno già ricevendo una lettera di convocazione presso uno dei tre ambulatori individuati dal Dipartimento di Prevenzione nelle sedi di Lucca (“Casa della Salute” Campo di Marte), Bagni di Lucca (Poliambulatorio Susie Clarke) e Gallicano (Centro Socio-sanitario). Un colloquio sugli stili di vita (abitudini alimentare, pratica di attività motoria o sedentarietà, fumo di sigaretta, consumo di alcool) ed alcune semplici misurazioni (peso, altezza, girovita, pressione arteriosa e dosaggio da prelievo capillare della glicemia e colesterolemia) permettono di valutare la presenza dei principali fattori di rischio di malattia cardiovascolare. Per correggere tali condizioni di rischio vengono proposti percorsi preventivi dedicati: corsi per smettere di fumare per i fumatori, consulenza nutrizionale per i soggetti sovrappeso, iniziative di attività motoria per i soggetti sedentari. Le persone che nell’ambito dello screening evidenziano ipertensione o valori alterati di glicemia o colesterolemia, sono inviate al medico di famiglia per gli approfondimenti necessari. Al termine della visita viene rilasciata una relazione personale con i risultati dello screening. La partecipazione a questo importante programma di prevenzione è libera e gratuita.

Share