Per la Pugilistica Lucchese, con il “10° Criterium Regionale giovanile di pugilato della Toscana”, che si è disputato a S. Leonardo in Treponzio nella giornata del Memorial dedicato a Antonio Monselesan, si conclude una stagione veramente da incorniciare. Nella palestra dell’Istituto Comprensivo Don Aldo Mei, la scorsa domenica mattina 24 Novembre, i piccoli pugili delle categorie: cuccioli, cangurini, canguri e allievi hanno disputato l’ultima gara in programma per il 2019. In un clima gioioso e di grande festa, assieme anche ai più grandi, si sono divertiti di fronte ad un buon pubblico di parenti, amici e accompagnatori arrivati da Firenze, Livorno, Massa e Carrara oltre che da Lucca con la squadra della Pugilistica Lucchese tra l’altro organizzatrice dell’evento.

Nei cuccioli ancora una volta l’atleta di casa Andrea Sgueo si conferma vincitore chiudendo l’anno anche con il titolo di Campione d’Italia conquistato a Latina a metà giugno, buone prove anche per Niccolò Massoni, Lorenzo Burgalassi, Mei, Fabio Cerri, Leonardo Cenci e Alessandro Fornai.

Nella categoria cangurini la coppia lucchese Zeno Bianchi e Filippo Caselli si sono ben comportati.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vittoria invece per la categoria dei canguri della coppia lucchese formata da Riccardo Colombini e Massimo Maida mentre sono arrivati quarti Mathias Demollari e Loufti Abd Almottalib a seguire invece gli ultimi arrivati Leonardo Fantile, Cristina Lopresto e Luca Italo Del Tessandoro alla loro prima gara. Maida e Colombini hanno in questa stagione partecipato anche alla finale nazionale del trofeo Coni Kinder svoltasi a Isola Capo Rizzuto in Calabria a fine settembre rappresentando la Toscana nei “ canguri “.

Negli allievi secondo posto per Alessandro Maida e Sasha Mencaroni, mentre Stefano Micheli e Omar Rezgui sono arrivati a metà classifica. Sasha Mencaroni insieme a Riccardo Matteucci a Latina per gli allievi hanno conquistato il titolo italiano, Matteucci a settembre è passato agonista e Mencaroni ha fatto coppia con Maida partecipando anche alla finale nazionale del Trofeo Coni Kinder in Calabria, la prossima stagione li vedrà ancora insieme almeno fino a giugno poi inevitabilmente al compimento del 13° anno ci sarà il passaggio all’agonismo, per coach Giulio Monselesan vuol dire portare due ragazzi ai campionati schoolboy di assoluto valore. Dietro al settore giovanile della Pugilistica Lucchese oltre a Giulio Monselesan a seguire i circa 50 allievi sia maschi che femmine ci sono il figlio Leonardo Monselesan, Samuele Giorgi, Lorenzo Frugoli e Cristian Garofano.

La Pugilistica Lucchese infine intende evidenziare che lo spazio e gli orari attuali sono ormai insufficienti per poter svolgere una preparazione adeguata soprattutto perché andrebbero separate le diverse fasce di età, ma fino ad oggi gli appelli lanciati più volte sono rimasti inascoltati anche se l’amministrazione comunale sta valutando il da farsi. E’ anche giusto ricordare che la Pugilistica Lucchese è un team, che  a livello nazionale, è una delle maggiori realtà nel settore giovanile (dai 5 anni compiuti ai 13) dietro forse alla Quero di Taranto: In questa stagione la “Pugilistica” ha totalizzato 161 presenze certificate in dieci criterium, portando a casa vari titoli nazioni e podi di prestigio, pertanto chiedono con l’aiuto anche dei media, che serve dare una mano alle richiesta di una sede di allenamento ad uso esclusivo del pugilato a Lucca. Uno sport che alla nostra città, già in passato nomi famosi ed importanti, ne hanno dato lustro.

Share