L’ARINGA LA VOI CO ‘CCECI O CO ‘FFAGIOLI

vesto vie è un dilemma altro che quello di Amleto.
Intanto devi piglià un’aringa, arostiscela o lessela, fà come ti pare, la poi piglià anche in buste, già pronta da mette nel piatto e così un’appuzsi la ‘ucina sennò la tu moglie ti leva l’occhi.
Ora la metti nel piatto co ‘ffagioli, velli che ti pare ma li devi lessà da te….. almeno velli, io lai, poi ci poi mette la cipolla, allòra si che godi.
Pò ci vole del vino, rosso, di vest’anno, delle colline di Lucca.

Al pòsto de ‘ffagioli ci pòi mette i ceci coll’aringa, sentirai che è bona uguale.

Meglio ancòra se fai un trito di prezsemolo, aglio e peperoncin, ci copri l’aringa come fai coll’acciughe marinate, lo prepari il luneddì e lo mangi verneddì che è vigiglia, sempre mescolata co ‘ffagioli o co ‘cceci e olio bòn.
Ci poi cenà ma come antipasto a una cena rustica è l’ideale.
FONTE EZIO LUCCHESI

Share