Per il momento è stato un piacevole soggiorno a Pescia, culminato in un concerto molto apprezzato, ma la delegazione della scuola di musica Xiya di Nanchino ha progetti importanti per lo sviluppo della cultura artistica italiana in Cina.

La delegazione, guidata dal presidente della scuola di musica Xu Yongzhen, accompagnata dall’organizzatore-interprete Zhou Wanli, è composta da giovani ma affermati musicisti cinesi, che emergono in una realtà composta da oltre 1000 studenti. Il pianista Wang Zhihao, i violinisti Dai Qi e Hu Jiatu, insieme ai direttori artistici Gao Sulin e Zhang Yuqiang , rappresentano il meglio di questa famosa scuola e hanno effettuato una vera e propria immersione nella nostra cultura musicale e artistica.

A fare gli onori di casa il sindaco di Pescia Oreste Giurlani e il vicesindaco e assessore alla cultura Guja Guidi, che hanno ricevuto nella sala consiliare la delegazione cinese, alla presenza di Piero Papini, direttore della scuola comunale di musica di Pescia e insegnante al Conservatorio di La Spezia, che ha aiutato i musicisti in questo percorso e ha organizzato il concerto al monastero di S.Michele, e Claudio Stefanelli, anche lui apprezzato insegnante di arte, che ha invece lavorato alla parte pittorica di questo soggiorno.

Giurlani ha ringraziato la delegazione cinese e ha sottolineato come, in ambito artistico, le distanze e le differenze fra i popoli non esistano. Il sindaco ha ricordato che, anni fa, fu attivata una collaborazione fra Pescia e alcune zone della Cina sul tema della coltivazione e trattamento dell’olivo. “Facendo i necessari passaggi istituzionali, sarebbe molto interessante sviluppare questo rapporto con Nanchino e queste splendide persone che oggi la rappresentano- ha detto Giurlani, suscitando ampi sorrisi fra i presenti-. Mi hanno parlato dell’intenzione che ha questa scuola, fra le più rilevanti dell’intero territorio cinese, di creare un vero e proprio centro che insegni l’italiano e la sua cultura, anche e soprattutto artistica. Da parte nostra c’è la massima disponibilità a fare parte di questa iniziativa, visto che Pescia ha uomini e tradizione per offrire spunti importanti in una operazione di questo tipo”.

Share