L’ALTA GARFAGNANA ERA UN GRANDE LAGO

torniamo molto addietro quando il castagno che si suppone comparso nell’era del terziario, prima dell’ultima glaciazione, circa 10.000 anni.
Ne parlano numerosi scrittori tra cui un certo Rutilio Tauro Emiliano Palladio nel IV secolo d.C. dove fà riferimento agli innesti, Columella agronomo del periodo di Cristo spiega con semplicità gli usi del castagno come paleria per i vigneti, come si semina e si coltiva, come i suoi frutti erano un grosso sostentamento per le genti.
Ma dove sia nato di preciso non si sà, ci sono ritrovamenti e reperti in tutto il mondo, si pensa che il castagno dato il clima sia sempre stato presente in Italia e ce ne sono testimonianzze al Museo del Castagno a Colognora di Pescaglia dove si possono vedere fossili di foglie datate 5000 anni fà.
In Garfagnana ci sono stati ritrovamenti all’interno di argille datati cinque milioni di anni fà quando in Garfagnana esisteva un grande lago che era formato da uno sbarramento naturale tra Palleroso e Fosciandora dove, per essere più chiari, percorrendo la via tra Castelnuovo di Garfagnana e Gallicano c’è il famoso “fontanone” dove molti si fermano a prendere “l’acqua buona”.
Per essere ancora più precisi lo sbarramento iniziava da Montaltissimo, nel comune di Molazzana, e attraverso Monteperpoli e Palleroso raggiungeva l’attuale paese di Fosciandora livellando le sue acque sul piano di Villa Collemandina, Antisciana, non a caso se ci mettiamo in alto a guardare l’alta Garfagnana molti paesi hanno la stessa altezza, presumibilmente erano all’epoca dei piccoli villaggi o insediamenti umani.
Per finire alcuni resti di polline di castagno sono stati ritrovati nelle torbiere di Fociomboli sulle Apuane, alcuni resti di quello che dico e che riassumo da testi molto vecchi sono visibili a Barga presso il museo dei fossili, ammesso che ancora esista e che non sia stato trasferito a Siena assieme a tutti i reperti storici e i ritrovamenti che si potevano ammirare a Castelnuovo nella Rocca Ariostesca.
FONTE EZIO LUCCHESI

 

Share