LA ZUPPA DI VONGOLE

zuppa di vongole ma se avete le arselle ancora meglio, sono più piccole ma più saporite.
Prendete una zuppiera e mettete dentro un piatto fondo rovesciato, mettete le vongole o le arselle una manciata di sale grosso, e ricoprite con acqua.
Vedrete che i gusci inizieranno a muoversi e “sputeranno” la sabbia che è rimasta al loro interno, lasciatele per alcune ore.
Sciacquatele più volte e mettetele in un tegame con olio, un goccio di vino e uno di aceto (facoltativo) due bicchieri di acqua, due cucchiai di salsa di pomodoro o pomodoro maturo schiacciato con le mani, sale e pepe, 4 spicchi d’aglio, accendete il fuoco ben vivo sotto per un paio di minuti, poi abbassate la fiamma e cuocete coperto per una ventina di minuti.

In una zuppiera disponete delle fette di pane casalingo toscano passato in forno, recuperate l’aglio della cottura e con la forchetta passatelo sul pane, filtrate il brodo, mettete le vongole sul pane, poi il brodo filtrato e servite ben caldo.

Questa è la ricetta di un ristorante di lusso, una ricetta molto delicata, per stomaci che non sono deboli io vi consiglio di mettere nell’olio un trito di prezzemolo aglio e peperoncino farlo insaporire e poi seguire la ricetta, il pane passato in forno personalmente lo struscio con aglio fresco, ma questo è un mio modo di cucinare.
FONTE EZIO LUCCHESI

Share