LA ZUPPA DI SEPPIOLINE

antichissima ricetta in uso sulla costa Toscana fino in Liguria, si può gustare in alcuni ristoranti e piccole trattorie, ma fatta in casa è meglio, potete usare anche non solo seppioline, ma anche totanini, moscardini calamaretti, li pulite, li tagliate a pezzetti, poi mettete due giri d’olio in un tegame possibilmente di coccio, con un ciuffo di prezzemolo e uno spicchio d’aglio tritati.
Fate insaporire l’olio per un minuto a fuoco basso poi aggiungete un pomodoro maturo spappolato con le mani, la bietola privata della costola centrale e tagliata grossolanamente, che sia abbondante perché le quantità ritirano.

Dopo pochi attimi di cottura e la bietola si è leggermente appassita mettete le vostre seppioline, un goccio di acqua e incoperchiate, cuocete salando poco, pepando fin quando saranno tenere, allora aggiustate ancora di sale e di pepe e fate attenzione che ci sia molto sugo.

Tagliate delle fette di pane del giorno precedente, pane casalingo, passatelo in forno, sfregatelo leggermente con aglio, mettete nei piatti dei commensali, mettete sopra le seppioline con la bietola, servite immediatamente caldissima questa deliziosa zuppettina.
FONTE EZIO LUCCHESI

Share