LA TORTA DI SAN PIETRO- vecchissima torta garfagnina

vecchissima torta garfagnina di un dolce straordinariamente delizioso che la tradizione colloca al 29 giugno festa di San Pietro e Paolo, San Pietro è il patrono di Castelnuovo Garfagnana e la torta pur facendola oggi molto spesso anni adietro le massaie la preparavano per quella festività.
Vi dò la ricetta “pesata” ma nei vecchi tempi si andava a tazze, tazzine e bicchierini, per la pasta esterna si prepara una pasta frolla fatta di 300 gr di farina, 150 gr di zucchero, 100 gr di burro, 3 tuorli d’uovo, il giallo grattugiato della buccia del limone.

Impastate, fate riposare al fresco, stendete abbastanza fine e ricoprite una tortiera imburrata.


Per il ripieno 300 gr di mandorle pelate e tritate finissime, 300 gr di zucchero, mescolate, aggiungete le chiare un pò sbattute con la forchetta, aggiungete mezzo bichierino di liquore, in Garfagnana si usa molto il Sassolino ma va bene anche rum o cognac, mettete il ripieno dentro la tortiera, alto 2 centimetri, infornate a forno già caldo a 160/180° per circa 45 minuti o a seconda del vostro forno (in Garfagnana vengono fatte nel forno a legna dopom aver fatto il pane e gli arrosti).

La pasta rimasta dal foderare la torta alcune famiglie la usano per fare delle striscioline a decorazione, altre invece la spianano finissima e ricoprono tutto, altre ancora non mettono niente.
La stessa ricetta viene usata per le torte di “nocelle” (nocciole), di noci, di noci e fichi secchi tritati, stà a voi fare l’una o l’altra……. o tutte insieme !!!
FONTE EZIO LUCCHESI

Share