Questa è la storia di Norman, un Pit Bull che non ha mai abbandonato l’umanità, la possibilità di essere amato ancora una volta e soprattutto se stesso. È stato gravemente trascurato per quasi tutta la vita, oltre che attivamente abusato. Soffrendo di molteplici infezioni cutanee lasciandolo coprire in un letto di croste insieme a scarse macchie di pelliccia residua. L’odore della carne morta su Norman era insopportabile, e lui era praticamente dissanguato.

Nonostante le sue condizioni, Norman combattè attraverso il dolore. Ha avuto un momento difficile, ma il suo desiderio di vivere era molto più grande delle sue debolezze – e la sua coda diceva tutto. Gli fu presto dato del cibo secco per cani. I suoi soccorritori di AMA Animal Rescue sapevano che Norman aveva bisogno di assistenza medica al più presto a causa della sua condizione estremamente malnutrita e insalubre.

Norman entrò nella macchina dei suoi soccorritori, ed era il posto migliore dove avesse mai dormito. I veterinari dell’Arca di Noè somministrarono immediatamente fluidi che aiutarono Norman a vivere un altro giorno. I soccorritori credono che Norman sia stato trascurato da un medico e abusato per almeno 10 anni.

Sfortunatamente, Norman durante le visite è risultato essere per lo più cieco e sordo. Ha anche avuto 2 tipi di malattie della pelle e un grave caso di artrite. La gente pensava che non ce l’avrebbe fatta, ma lo ha fatto ogni giorno che passa. Dopo mesi di trattamenti medici intensivi, Norman ha raggiunto un peso sano ed è stato in grado di camminare con facilità, da solo! Venne il tempo che Norman lasciasse l’imbarco medico e la sua famiglia adottiva, trovò una donna che lo amasse incondizionatamente.

Il nuovo proprietario di Norman ha persino ristrutturato la sua casa con scale appositamente allestite per lui, insieme a un ampio cortile. Norman aveva una strada impegnativa per il recupero, e ha trionfato, guadagnandosi il soprannome di “Pit che non si è mai arreso”. Bravo, Norman!

Guarda la sua storia nel video qui sotto:

Condividi questa straordinaria storia, grazie.

Share