la TASCA RIPIENA

10959637_731253770307205_7975524281617389823_n
ricetta di mi mà cucinava così, di ezio lucchesi
la tasca ripiena è buona arrosto come nella ricetta che leggerete ma è adatta a farci anche un buon brodo con gli odori del caso.
Far incidere la tasca dal vostro macellaio per ragioni di praticità . Preparare il ripieno (quello delle polpette và benissimo) mescolando in una ciotola la carne tritata, la salsiccia priva del budello, il prosciutto a dadini, i formaggi grattugiati, l’uovo sbattuto con un po’ di latte se volete un ripieno piu’ morbido, anche una fetta di pane bammollato nel latte, prezzemolo tritato, salate leggermente pepate e poi fate riposare in frigo il ripieno per circa 10 minuti.
Riempire la tasca facendo attenzione a compattare e a distribuire bene tutto il ripieno lasciando un pò di spazio altrimenti la tasca scoppierà e poi cucire con ago e filo da cucina il lato aperto , cercando di serrare per bene, affinchè non fuoriesca il ripieno durante la cottura.
potrete mettere all’interno anche una carota lessata e intera e un uovo sodo.
Infarinare leggermente la tasca e metterla nella casseruola.
Cuocere la tasca per qualche minuto per lato e poi sfumare con il vino bianco, mettere il rosmarino e cuocete aiutandovi con del brodo aggiunto poco per volta
dopo un’oretta che cuoce, punzecchiando con uno stuzzicadenti, se vedete che fuoriesce un liquido chiaro significa che si è cotto altrimenti se il liquido è rosa, bisogna cuocere ancora un po’.
Una volta cotta, togliere la tasca dal sugo e farla raffreddare per bene prima di affettarla.
Sistemare le fette in una pirofila fate un trito di aglio rosmarino e salvia, aggiungerlo al sugo di cottura con mezzo bicchiere di vino bianco e una noce di burro e prima che ritorni sull’olio togliere dal fuoco e metterlo nel vassoio dove avete messo le fette di carne

Share