La sacra rappresentazione del Venerdì Santo incanta San Michele

 

Chiesa sempre aperta, convince l’interpretazione del Teatro Giovani

 

La sacra rappresentazione del Venerdì Santo, con l’esecuzione di musiche di Bach e dello Stabat Mater di Vivaldi, ha riempito ieri (19 aprile) la chiesa di San Michele in Foro. Un’altra soddisfazione per Animando, associazione che nell’ambito della rassegna Il settecento musicale a Lucca ha collaborato con la parrocchia del centro storico e la cattedrale alla realizzazione di un concerto che ha saputo lasciare spazio alla meditazione e alla parola. La musica, affidata all’esecuzione dell’ensemble Nuove Assonanze diretto dal maestro Silvano Pieruccini, è stata ora accompagnata dalla bellezza della voce mezzosoprano di Alessia Nadin, ora ha lasciato spazio alla narrazione del Vangelo di Giovanni condotta da tre attori della compagnia Teatro Giovani: Rebecca Fanucchi, Agnese Manzini e Francesco Nutini.

 

 

Ha coordinato il regista Nicola Fanucchi, che commenta: “È stata una rappresentazione sacra che in un certo senso ha perso la sua declinazione rituale per acquisire un aspetto più popolare. L’alternanza di musica, parole e canto – ha sottolineato Fanucchi – ha stabilito un patto d’emozione con il pubblico, numeroso e bello. Il Vangelo raccontato accorcia le distanze, crea intimità, e abbiamo scelto di affidarlo alla voce di due attrici donne perché, in fondo, sono le donne che rimangono accanto a Gesù nella sua passione. Loro che scoprono la pietra della resurrezione rotolata via, loro che credono.

 

 

 

 

 

Il Vangelo – continua Fanucchi – ci parla invece di uomini che non hanno altrettanta forza, che tradiscono Gesù nel momento di massima difficoltà”. Il linguaggio dell’arte, inoltre, ha saputo esprimere ieri apertura e accoglienza: le porte della chiesa di San Michele sono rimaste sempre aperte a chiunque volesse entrare, per tutta la durata della sacra rappresentazione: “In un momento in cui qualcuno predica chiusura – ha commentato Nicola Fanucchi – la chiesa cattolica rivendica la capacità di aprirsi: questo rende onore alla nostra parrocchia del centro storico e a don Lucio Malanca”.

Il prossimo appuntamento con la musica di Animando è in programma per il 27 aprile alle 18, nella chiesa di Santa Maria dei Servi, quando si terrà un concerto per violino e orchestra in collaborazione con il Comitato per i grandi maestri di Ferrara.

 

 

Share